Noli container: si vede la fine della crisi?

0

AP Moller-Maersk, la seconda più grande compagnia di trasporto di container al mondo, ha recentemente affermato (Fonte Financial Times) di aspettarsi un allentamento della crisi della catena di approvvigionamento globale nella seconda metà di quest’anno

Il suo Amministratore Delegato ha affermato di aspettarsi una “normalizzazione della situazione” e un calo delle tariffe di trasporto man mano che le restrizioni Covid vengono revocate e i tassi di infezione diminuiscono, portando a un probabile allentamento della congestione in porti come Los Angeles e Long Beach sulla costa occidentale degli Stati Uniti (vi ricordate l’intervista che GDONews fece all’economista Fabio Scacciavillani nella trasmissione Il Supermercato delle idee, dove spiegava esattamente questo?)

“È giusto dire che non abbiamo molta esperienza nell’uscire da una pandemia. È difficile dire esattamente come andrà a finire”, ha detto Mr. Skou, l’Amministratore Delegato “Vediamo il primo trimestre in linea con il 2021 ed anche il secondo trimestre sarà molto forte”.

“Continuiamo ad avere la combinazione di domanda molto elevata e meno offerta”, ha aggiunto, indicando che si aspettano da tre a quattro settimane per entrare nei porti della costa occidentale.

Almeno una buona notizia arriva, sempre se la situazione pandemica in relazione alle vaccinazioni, rimanga con questi indici di pericolosità.

Intanto la Maersk ha dichiarato che i suoi ricavi nel 2021 sono aumentati del 55% sino ad arrivare a 62 miliardi di dollari, con EBIT triplicato a un valore record di 24 miliardi di dollari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui