GDO News
Nessun commento

La grande trasformazione della GDO nella categoria derivati del pane: Vallefiorita, esempio di nuova cultura a supporto del mass market

Il manuale dei derivati del pane che GDONews ha pubblicato di recente, nel quale sono presenti tutti i dati delle vendite della categoria, porta il lettore a fare delle importanti considerazioni che prescindono dal consumatore (oramai con certezza orientato verso un altro modo di alimentarsi) e si concentrano sul retailer:

  1. E’ una categoria molto importante che produce fatturati davvero rilevanti, una delle più importanti di tutto il grocery.
  2. Non perde fatturato (anno 2017) grazie alla profonda trasformazione che sta compiendo
  3. E’ una delle categorie più dinamiche relativamente all’attenzione alla salute
  4. La tendenza della GDO è quella di trasformarsi radicalmente ricercando nuovo fatturato
  5. Il sud Italia sta compiendo una importante evoluzione nella direzione delle aree salutistiche

Se il mercato della GDO si rivolge verso quella direzione è naturale che l’industria la segua con attenzione riuscendo a fornire ad essa i migliori prodotti da portare sugli scaffali a disposizione del consumatore.

L’industria della categoria è infatti, in grande fermento, i cambi in atto sono tali e tanti che se da un lato è necessario investire in innovazione, dall’altro il pericolo di investire in referenziamenti nuovi non performanti è alto, data la grande dinamicità di tutto il mondo produttivo.

Sino a qualche anno fa il mercato dei derivati del pane era sostanzialmente diviso in due grandi tronconi: quello delle aziende produttrici concentrate su referenze adatte alla copertura della fascia “mainstream”, ed altre poche aziende che, da sempre, si rivolgevano al mondo del salutistico. Da qualche anno la grande parte del mercato si è spostata verso i segmenti rivolti alla salute per assecondare il mass market nel suo processo di cambio: Barilla, il grande leader di mercato, è l’esempio più evidente di tale cambio, oggi molto attenta a questa parte dello scaffale, limitando la nuova produzione di referenze rivolte al mainstream, chiaro segno di cambio del mercato nazionale.

Esistono esempi di profonde trasformazioni che hanno coinvolto anche aziende dimensionalmente diverse e che, però, hanno saputo dare una importante spinta verso il cambiamento: Vallefiorita è una realtà molto interessante del sud Italia che può essere un eccellente esempio dell’evoluzione che l’industria deve fare per dare nuove ed interessanti soluzioni al mercato. Pur senza perdere di vista la qualità della produzione, elemento essenziale per il successo, ha portato al centro della sua missione la ricerca: ha creato un laboratorio interno all’azienda che, grazie all’intenso lavoro svolto al fianco della produzione, ha portato in vita progetti di produzione all’avanguardia internazionale nel settore: “Da un anno ormai abbiamo sviluppato un laboratorio interno all’azienda composto da due tecnologi ed un biologo con la funzione di studiare come mettere in relazione i microrganismi, analizzando con attenzione dove crescono, come si riproducono e come si relazionano ai vari agenti esterni, da questo prendiamo quelli adatti al nostro prodotto per ottenere il miglior lievito naturale” – spiega Carlo Sardano, Presidente di Vallefiorita e Direttore Commerciale – “inoltre, data la crescita compiuta dalla nostra società in questi anni, si è reso necessario inaugurare un nuovo impianto produttivo super tecnologico”.

Vallefiorita alla Fiera Marca di Bologna ha presentato la nuova linea Insalute, dedicata al vasto mondo delle patologie diabetiche. “In fiera (Marca ndr) abbiamo presentato la nuova linea Insalute, oggi composta da due pani. la Puccia ed un altro tipo Pan Carrè a bassissimo indice glicemico – continua Sardano. E’ singolare come l’attenzione doverosa verso i celiaci abbia fatto abbassare la guardia verso il mondo un po’ abbandonato dei diabetici, pur essendo numericamente superiori tali patologie rispetto alle altre, e noi questo mercato siamo intenzionato ad esplorarlo con attenzione”.

 

Per informazioni:
Valle Fiorita Catering S.r.l.
Tel. +39 0831.305980
E-mail: info@vallefiorita.it
Web: www.vallefiorita.it

 

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su