GDO News
Nessun commento

Amazon progetta di aprire sei nuovi supermercati quest’anno in USA. E non solo…

Stando a quanto riportato da Recode, Amazon avrebbe in programma di aprire sei nuovi supermercati Amazon Go nell’arco di quest’anno: nuovi negozi senza cassieri dovrebbero sorgere ancora a Seattle, città natale dell’azienda e già sede del primo supermarket. Un altro negozio dovrebbe invece sorgere a Los Angeles, seguendo una tradizione che già altre volte ha visto la città californiana apripista di diversi progetti, come Amazon Fresh, il servizio di consegna a domicilio di frutta e verdura che, dopo anni di prova a Seattle, è sbarcato proprio a Los Angeles come prima destinazione.

Secondo Recode, per aprire questo nuovo negozio Amazon starebbe trattando con Rick Caruso, proprietario del The Grove at Farmers market, un’area commerciale di oltre 50 mila metri quadrati, dove il supermercato potrebbe sorgere, tuttavia sia Amazon che Caruso si sarebbero rifiutati di commentare l’indiscrezione.

Non è noto se ci siano altre città nelle quali Amazon sarebbe intenzionata a introdurre i propri supermercati senza cassieri, ma la tecnologia alla base di questi, chiamata Just Walk Out Technology, potrebbe presto essere implementata anche in altri tipi di negozi, come quelli della catena Whole Foods, azienda che controlla oltre 470 negozi di alimentari biologici tra Stati Uniti, Canada e Regno Unito, ed è stata acquisita da Amazon nel giugno 2017.

Insieme alle voci su un’espansione di Amazon Go, potrebbero sorgere anche dei dubbi sull’automatizzazione del sistema: Recode riporta infatti che oltre tre milioni e mezzo di persone erano impiegate come cassieri negli Stati Uniti al 2016, e la diffusione della Just Walk Out Technology potrebbe mettere questi impieghi a repentaglio.

Vi sono comunque diversi tipi di occupazione anche all’interno dei supermercati di Amazon: specialmente nella cucina, dove vengono preparati i cibi pronti sotto gli occhi dei clienti, inoltre vi sono dipendenti assunti per le funzioni di banco informazioni e controllo delle carte d’identità al banco dei liquori.

 

[via pcprofessionale]

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su