Crisi Coopca: Aspiag verso l’acquisto di alcuni punti vendita

0

Un’ancora di salvataggio per CoopCa potrebbe avere il marchio Despar. Sono ore frenetiche di trattative, ma quel che è certo, è che Aspiag si prepara a entrare da protagonista nella partita della cooperativa carnica e non solo.

Anche in quella delle Coop operaie di Trieste, per cui, riferiscono fonti interne a Despar, sarebbero già state messe nero su bianco proposte di acquisto per 8 negozi. Su entrambi i fronti, comunque, sono imminenti offerte vincolanti, tanto che il Gruppo accelera e punta a far ripartire a pieno ritmo nel giro di pochi mesi le attività che verranno rilevate. Per CoopCa i tempi saranno forse più lunghi, ma Aspiag avrebbe in tasca nuove proposte irrevocabili di acquisto per i supermercati della cooperativa, che si aggiungerebbero a quelle già depositate per tre punti vendita: Marcon nel Veneto e i due negozi di Tolmezzo.

I dettagli saranno resi noti domani nel corso di una conferenza stampa in cui Despar annuncerà il programma degli investimenti per il 2015 e le prossime acquisizioni. Ma ieri al marketing meeting “Guardare vicino, vedere lontano”, organizzato da Aspiag service nella H-Farm (l’incubatore di nuove imprese del settore agroalimentare) a Roncade, la stretta di mano tra la presidente del Fvg Debora Serracchiani, il presidente di Aspiag, Rudolf Staudinger, e gli amministratori delegati Antley, Kolz e Freschi pare abbia già suggellato idealmente un’intesa in grado di tirare fuori le due cooperative regionali dalla palude del crac.

A Roncade la presidente Serracchiani ha sottolineato il «forte e positivo coinvolgimento di Aspiag in diversi progetti territoriali, a partire dall’adozione della Latteria di Castions di Strada, grazie alla quale i prodotti lattiero-caseari locali vengono venduti in una decina di punti vendita Despar del Medio Friuli». E poi ha lodato la «dinamicità della catena Despar, che prima di altri ha puntato sui negozi di piccola e media dimensione leggendo anticipatamente la crisi dei grandi centri commerciali».

Non si sa come e quanto la boccata d’ossigeno si dividerà tra CoopCa e Coop Operaie, quel che è certo è che l’intervento potrebbe rivelarsi decisivo per il futuro della realtà carnica, alle prese con un piano concordatario lacrime e sangue, e circa 3 mila soci che guardano con apprensione alla scadenza del 20 giugno. La data segna la vera dead line della corsa, quando nell’auditorium della Regione a Udine sarà convocata l’adunanza dei creditori che sulla base delle offerte sopraggiunte dovranno decidere se accendere la luce verde o meno sulla procedura concordataria.

Intanto prosegue la maratona del consiglio di amministrazione di CoopCa verso l’approvazione del bilancio, attesa a giorni, e per cui era stata chiesta una proroga. La fase è delicata e il documento si annuncia pesantissimo. Impietoso, come tutti i bilanci delle società in liquidazione, l’esercizio 2014 evidenzia perdite per 14 milioni di euro, a cui vanno aggiunti due milioni di euro di avviamenti e le svalutazioni immobiliari. Il consiglio di amministrazione conferma che si sta lavorando per «salvare il salvabile» e che «stanno arrivando nuove offerte da parte del mondo delle cooperative e dei privati della grande distribuzione» come spiega il consigliere Paolo Rizza.

L’obiettivo è quello battere il tempo e di portare il piano concordatario prima del 20 giugno a quei 32 milioni di euro che costituiscono la soglia di soddisfazione dei creditori privilegiati, un requisito essenziale per la sostenibilità della procedura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui