Rapporto Coop 2010: calano le quantità e cambiano le abitudini

0

Il Rapporto Coop 2010 “Consumi e distribuzione” disegna un quadro a tinte fosche per la prima parte del 2010 e prospetta cambiamenti importanti nelle abitudini dei consumatori che, indotti dalla crisi a modificare le proprie abitudini, lasciano spazi e risorse a nuove categorie di prodotti che diventano sempre più “indispensabili”.
I dati sono chiari: la tenacia della crisi, o meglio dei suoi effetti, promettono di essere duraturi. L’inversione di rotta è modesta e, quindi, di ripresa non si può affatto parlare, cosicché, nelle prime 33 settimane di quest’anno, la GD registra una flessione delle vendite dello 0,3%. Il dato più rappresentativoè il calo dei consumi alimentari: diminuiscono in quantità prodotti di base come la pasta di semola (- 2,8%), le conserve a base pomodoro (-2,3%), l’olio di oliva (-1,7%) e gli olii di semi (-5%). Una dinamica negativa in linea con gli andamenti degli ultimi due anni che hanno visto diminuire, tra gli altri, i consumi di pane e cereali (-5,2% nel biennio 2007/2009), pesce (-4,3%), latte formaggi e uova (-3,3%), olii e grassi (-3,4%).
La crisi ha fatto crollare la domanda dei prodotti il cui acquisto è ritenuto rinviabile: arredamento (-7% a quantità nel 2007/2009), elettrodomestici (-8,7%), abbigliamento (-10.9%).
In sostanza diminuiscono le quantità acquistate (privilegiando spesso le private label). I consumatori dichiarano che conserveranno queste abitudini oltre la crisi, tanto che le previsioni del Rapporto Coop per il biennio 2010-2011, a fronte di un aumento del Pil stimabile rispettivamente in un +1,2% e + 0.9%, segnalano una debole ripresa dei consumi delle famiglie (0,3% nel 2010 e 0,6% nel 2011).
L’altra faccia della medaglia sono i nuovi consumi dai valori molto elevati: l’elettronica di consumo (televisori a schermo piatto e smartphone su tutti) che da sola fa segnare un +16%, apparecchiature e servizi per la telefonia (a partire dall’iPad), computer, audiovisivi che continuano a figurare al top anche nelle voci dei consumi che crescono e che cresceranno di più nel prossimo triennio. Certo viene da interrogarsi sul rapporto tra l’aumento di questo tipo di acquisti (spesso di valore vicino ad una mensilità di stipendio) e la flessione delle altre spese della famiglia. Sicuramente questo aspetto sociologico andrebbe approfondito. Il fatto che, anche in prospettiva, emergano i consumi di queste ed altre “nuove necessità”, come i servizi ricreativi e culturali, le vacanze, i pasti fuori casa, il tutto a dispetto della crisi, indica come gli italiani aspirino a consumi edonistici con una quota aggiuntiva di servizio e improntati alla ricerca del benessere. Non a caso nella prima metà del 2010 riacquistano quota i carrelli Etnico (+6,5% a quantità), Salute (+6,4% integratori e complessi vitaminici, dolcificanti, prodotti senza glutine, yogurt) e Pronto (+8% un paniere composto da paste fresche, sughi pronti, pizze e snack surgelati, merendine e frullati).
Altre categorie che crescono sono i farmaci e articoli sanitari, protezione sociale, servizi ambulatoriali, che fanno riferimento alle necessità di una popolazione che invecchia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui