GDO News
Nessun commento

Mercadona entra in Portogallo in perfetto stile…discount: grandi investimenti e sostenibilità ambientale

A livello internazionale è interessante rilevare come il superamento del concetto di format riguardi anche il modello comportamentale che il mass market sta ponendo in essere nei diversi territori in cui decidono di aprire nuove strutture, ne è un esempio l’arrivo di Mercadona in Portogallo.

Pochi giorni fa, infatti, la straordinaria catena di supermercati spagnola, sempre più leader in terra madre, ha aperto i suoi primi due negozi in Portogallo, dopo due anni di studi ed investimenti ed un terzo verrà aperto questa settimana (23 Luglio).

E’ così iniziato il progetto di internazionalizzazione dell’azienda, nel quale ha investito sino ad oggi già oltre 160 milioni di euro, principalmente per la costruzione dei negozi, di un blocco logistico situato a Póvoa de Varzim (Oporto), degli uffici situati a Porto e Lisbona e un Co-Innovation Center a Matosinhos (Oporto), dove si tengono sessioni di co-innovazione con clienti portoghesi per lo sviluppo di un assortimento adattato ai loro gusti.

L’azienda ha intenzione di fare le cose in grande stile ed ha previsto ulteriori investimenti di 100 milioni di euro nel solo 2019, il che significa che l’investimento complessivo del progetto Mercadona Portogallo supererebbe i 260 milioni di euro dal 2016, anno di annuncio della sua entrata sul mercato.

Ricorda bene l’entrata di Aldi in Italia, quando decise il suo arrivo nello stivale e da quel momento iniziarono forti investimenti sino all’apertura del suo primo negozio nel febbraio 2018.

Il primo supermercato Mercadona si trova nella città di Vila Nova de Gaia (distretto di Porto). “Abbiamo realizzato il nostro sogno di internazionalizzare l’azienda in un paese vicino a cui annettiamo importanti legami emotivi e culturali, come il Portogallo – ha spiegato patron Juan Roig all’apertura del negozio – a nome di tutti noi di Mercadona vorrei ringraziare il Portogallo per il sostegno ricevuto per rendere questa pietra miliare aziendale una realtà in un Paese che ci ha accolto fin dal primo giorno a braccia aperte, che è un esempio di modernità e innovazione. Oggi è l’inizio di un progetto condiviso per costruire ricchezza e progresso in questo Paese gemello”.

Il secondo punto vendita è stato aperto il 9 luglio sempre ad Oporto ed il 23 ne verrà aperto un terzo. La società prevede di aprire in Portogallo altri otto negozi situati nelle città di Oporto, Braga e Aveiro.

D’altra parte, il presidente della Camera di Vila Nova de Gaia, Eduardo Vítor Rodrigues, ha dato il benvenuto alla Compagnia e ha sottolineato: “È un grande orgoglio vedere Vila Nova de Gaia ospitare l’apertura del primo negozio Mercadona in Portogallo, la più grande catena di supermercati spagnoli”

Mercadona, in ogni caso, già da anni collabora con 300 fornitori portoghesi e da questi ha fatto acquisti per 203 milioni di euro da quando ha annunciato il suo progetto, avendo previsto acquisti nel 2019 per altri 90 milioni di euro. Allo stesso modo, l’azienda, che attualmente ha una forza lavoro di 900 lavoratori portoghesi, prevede di raggiungere 1.100 nel 2019.

Il comportamento che l’azienda sta assumendo in Portogallo non è solo quello di chi porta un nuovo concetto di Mass Market Retail e di un importante supporto al mondo del lavoro, ma è molto concentrata ad acquistare terreni per grandi progetti di riqualificazione oppure di miglioramento. Ad esempio, il primo supermercato aperto si trova nelle ex strutture del campo da calcio Gomes di Manoel Marques ed è anche il primo progetto di responsabilità sociale di Mercadona nel paese, come risultato dell’accordo di collaborazione raggiunto tra la società e il consiglio comunale di Gaia, il Consiglio di amministrazione di Candelo Freguesía e lo Sport Clube de Canidelo. Mercadona costruì nel 2018 uno stadio completamente nuovo, con mezzi migliori per lo sviluppo dell’educazione sportiva di bambini e giovani, approfittando della terra adiacente del vecchio campo per localizzare il suo attuale e primo negozio.

Con una superficie di vendita di 1.800 metri quadrati, lo store di Canidelo risponde al nuovo modello di negozio efficiente che l’azienda sta gradualmente implementando in Spagna, caratterizzato dal rafforzamento dell’eccellenza nel servizio e dall’ottimizzazione dell’atto di acquisto dei suoi clienti. È un nuovo concetto di supermercato che riduce il consumo di energia fino al 40% rispetto a un negozio convenzionale.

Il secondo negozio, a Matosinhos (Oporto), è situato nell’ex Vasco da Gama Canning Factory, un edificio storico. A suo tempo l’azienda si è impegnata a mantenere l’aspetto originale dell’edificio, preservando la sua storia centenaria e la sua struttura architettonica unica. Ha recuperato la facciata originale dell’ingresso principale, il sigillo e il camino interno. Un edificio abbandonato che rinasce per mano di Mercadona e rivitalizza un’area industriale di Matosinhos. Il negozio situato a Maia sarà inaugurato il 23 luglio, nel distretto di Oporto.

L’azienda oggi si propone in Portogallo come innovativa, propositiva, attenta all’ambiente, al sociale ed alla riqualificazione urbana. Gli investimenti sono ingenti in perfetto stile Discount, verrebbe da dire. Il dato di fatto è che le grandi aziende, con utili rilevanti, oggi hanno una forza di investimento nettamente superiore e questa riesce a fare la differenza.

 

Tagged with: ,

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su