GDO News
Nessun commento

Scende la pressione promozionale per effetto del 2017 positivo. E se fosse necessario tornare indietro?

Il mese della Pasqua si conclude con una rapida analisi della pressione promozionale e dell’incidenza del prodotto a marchio nel totale fatturato GDO.

Si ricorda che il mese della ricorrenza pasquale è, sebbene meno rispetto al Natale, molto importante in termini di attività promozionali: è un momento dove le vendite si accendono rispetto alla quotidianità e, sebbene non abbia una partenza anticipata come nel caso del Natale, è comunque un momento in cui le vendite fuori banco (uova pasquali, colombe, pranzi e cene di Pasqua e Pasquetta) trovano attenzione superiore sia in termini di spazi che in termini di vendite.

Abbiamo pensato di mettere a confronto la Pasqua degli ultimi tre anni: quella del 2016, caduta nell’ultima settimana di Marzo (27), quella dello scorso anno alla metà del mese di Aprile e quella 2018 il 1 di Aprile ma, di fatto, entrata nel fatturato di Marzo.

Il presente articolo, assieme a tutti quelli in archivio ed i futuri sono leggibili per i soli abbonati al portale GDONews. Per abbonarsi clicca qua. 

***Il grafico/La tabella è visibile solo agli abbonati***

La pressione promozionale dei 3 anni presi a confronto è stata ogni anno inferiore al precedente. Nel 2016 era stata del 31,4%; lo scorso anno era scesa al 30,5% e quest’anno

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Dati dell'autore:
Ha scritto 804 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su