venerdì 14 Giugno 2024

Tesco: cosa succede ai dirigenti dopo l’errore sulla previsione degli profitti? Tutti a casa!

Nei paesi anglosassoni, si sa, la responsabilità dei dirigenti nelle aziende è una cosa seria, molto seria. Se le cose vanno bene le gratificazioni sono enormi, ma gli errori si pagano cari e non ci sono scuse. Questa salutare abitudine sarebbe bello vederla anche nel nostro paese dove il concetto di “responsabilità dei manager” in molti casi recenti si è rilevato una barzelletta a spese degli azionisti (banche, assicurazioni, imprese pubbliche e private).
Tesco ha “chiesto” ad altri tre dirigenti di lasciare i loro incarichi, arrivando cosi a licenziare 8 dei massimi dirigenti del gruppo, a causa del disastroso errore nei dati di bilancio emerso a fine settembre quando il gruppo ha dovuto rivelare di aver sovrastimato di 250 milioni di sterline i profitti. “Abbiamo chiesto a tre dipendenti di farsi da parte per facilitare l’indagine sulla sopravvalutazione dei profitti settore alimentare nel Regno Unito. Forniremo un aggiornamento sulle indagini con i nostri risultati provvisori il 23 ottobre.”
All’inizio di ottobre, Tesco aveva comunicato di essere sotto indagine da parte della Financial Conduct Autority per l’errore di gestione e di aver promosso un’indagine interna commissionandola a professionisti indipendenti come Deloitte ed allo studio legale Freshfields.
Dave Lewis, nuovo amministratore delegato ha chiarito che le azioni intraprese contro i dirigenti Tesco non sono “disciplinari o un’ammissione di colpa”. Ma l’indagine va avanti.
Come l’azienda abbia potuto sopravvalutare i futuri profitti di una tale somma non è ancora chiaro, ma nel frattempo il mercato ha già punito il gruppo spazzando via miliardi di sterline di valore della società in borsa. Il prezzo delle azioni di Tesco è crollata del 50% in un anno di forte contrazione delle vendite, rimpasti della dirigenza, e una maggiore concorrenza da parte gi gruppi rivali come Aldi e Lidl.
No possiamo personalmente che ammirare la serietà dei soci Tesco, corretti nei confronti del mercato e degli investitori, ai quali viene comunicato immediatamente il problema, e un’Autority, la FCA, che fa bene e tempestivamente il suo mestiere. Tutti aspetti che purtroppo non possiamo dire di poter riconoscere in Italia.

Dott. Alessandro Foroni
Dott. Alessandro Foronihttps://www.gdonews.it
Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Etruria Retail cresce: inaugurato il nuovo Carrefour Market a Villafranca in...

0
Etruria Retail amplia la sua presenza in Lunigiana con un nuovo Carrefour Market che è stato inaugurato oggi, venerdì 14 giugno, in via Nazionale...

Nuovo look per il supermercato Crai della Cooperativa di Consumo di...

0
La Cooperativa di Consumo di Premariacco è lieta di annunciare la conclusione della ristrutturazione del punto vendita Crai, situato in Via Fiore dei Liberi,...

Aldi rafforza la sua presenza in Lombardia con un nuovo punto...

0
Il 13 giugno, ALDI inaugurerà un nuovo punto vendita a Mariano Comense, in provincia di Como, situato in Via Isonzo all'angolo con Via Cardinale...

Conad Nord Ovest apre un nuovo punto vendita a San Sperate...

0
Domani a San Sperate (SU) aprirà le porte il nuovo supermercato Conad di Via Sant'Andrea, progettato per accogliere residenti e turisti con un'ampia selezione...

Conad Adriatico chiude il 2023 con un fatturato di 2 miliardi

0
Nonostante l’anno ancora connotato dalle forti spinte inflattive, la cooperativa ha archiviato il 2023 con risultati positivi, distinguendosi per l’impegno profuso a sostegno del...