mercoledì 29 Maggio 2024

In Inghilterra le casse automatiche riducono i costi ma non le code

A pochi anni dall’introduzione delle casse automatiche da parte delle maggiori catene di supermercati inglesi, si fanno i primi conti per capire quali siano i veri vantaggi di quella che veniva presentata come una vera e propria rivoluzione: ridurre i tempi di attesa, dare maggiore privacy al cliente e favorire gli acquisti di piccola portata erano tra gli obiettivi dichiarati da Tesco, Sainsbury’s ed altri distributori. Per i lavoratori, invece, la paura di essere sostituiti dalle macchine, in una progressiva trasformazione del lavoro di cassiere in supervisore delle casse automatiche.
Il lavoro dei dipendenti, per ora, è stato salvaguardato. In parte come assistenti, e in parte re-impiegati in nuovi supermercati. Una ricerca condotta dalla rivista The Grocer, però, rivela l’insuccesso delle casse automatiche per quanto riguarda i tempi di attesa. Nella catena Sainsbury’s, per esempio, la coda per una cassa con l’impegato dura quanto l’anno scorso, mentre a Tesco l’attesa è aumentata – da 5min e 15 sec nel 2008 a 5min e 42sec quest’anno.
Le casse automatiche, quindi, non aiutano a sveltire le code a quelle manuali.
Un ulteriore problema è legato ai guasti che spesso affliggono le casse automatizzate. Secondo le associazioni dei consumatori inglesi, un cliente su sei si lamenta degli errori di lettura e di blocchi inattesi del sistema. E i sindacati sono preoccupati per il numero crescente di proteste che gli impiegati di turno devono subire: a volte, la frustrazione dei clienti porta anche ad insulti e litigi, specialmente quando neanche i cassieri riescono a risolvere il problema. Da Sainsbury’s, però, assicurano che la nuova generazione di casse introdotta quest’anno presenterà meno problemi e che, con l’esperienza di questi anni, i clienti impareranno ad evitare mosse sbagliate.
La scelta tra casse automatiche e cassiere in carne ed ossa, però, dipende anche dai gusti dei clienti: c’è chi preferisce l’interazione umana, magari per scambiare due chiacchiere, e chi invece non vuole spegnere l’iPod mentre fa la spesa. Anche per non scontentare nessuno, le catene di distribuzione assicurano che entrambi i sistemi resteranno in vigore in futuro.
Sarebbe interessante se una analisi simile fosse fatta anche in Italia.

Dott. Alessandro Foroni
Dott. Alessandro Foronihttps://www.gdonews.it
Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Dit a doppia cifra nel 2023: fatturato MDD +11%, industrie di...

0
Dit - Distribuzione Italiana, il fulcro dei servizi commerciali e di marketing per i marchi Sigma e Sisa, ha mantenuto un trend di crescita...

Despar Nord Ovest (Gruppo 3A) incrementa il fatturato al pubblico che...

0
L’Assemblea dei Soci del Gruppo 3A – Despar Nord Ovest, comprendente Centro 3A S.p.A., 3ACooperativa e Punto 3A S.r.l., ha approvato il bilancio consolidato...

Lidl apre il supermercato più sostenibile mai realizzato dall’insegna in Italia

0
È stato presentato alla stampa oggi e aprirà ufficialmente le sue porte ai clienti domani, 30 maggio 2024, il nuovo Lidl di Villafranca di...

Despar ottiene due riconoscimenti ai “PLMA’s 2024 International Salute to Excellence...

0
Despar è stata nuovamente premiata ai “PLMA’s 2024 International Salute to Excellence Awards” con due riconoscimenti assegnati ad altrettante referenze che confermano la qualità dell’offerta di prodotto...

Pam Panorama trionfa agli “International PLMA Salute to Excellence Awards 2024”...

0
Pam Panorama trionfa agli International PLMA Salute to Excellence Awards 2024, aggiudicandosi ben 9 premi nella prestigiosa competizione organizzata da “Private Label Manufacturers Association”...