sabato 20 Aprile 2024

Tesco apre il primo convenience store completamente self service

Tesco, si sa, è sempre in prima linea quando si tratta di sperimentare ed innovare. Poche settimane fa ha inaugurato a Northampton il primo Store senza casse all’uscita, almeno nel senso tradizionale. Al posto delle 4 casse tradizionali il negozio si è dotato di 5 casse self-service presidiate da una sola persona a supporto della clientela. Tutto questo per migliorare efficienza e velocità nella spesa e, secondo un portavoce del gruppo, la clientela ha mostrato di gradire l’niziativa.
Sicuramente anche il lato costi di personale ha un peso nelle iniziative come queste: nei punti vendita di piccole dimensioni diventa sempre più importante ridurre il più possibile le spese. Ma cosa ne è del servizio che è la spina dorsale delle piccole superfici? Siamo sicuri che un self-retail così estremo, dopo la naturale curiosità iniziale, darà gli stessi risultati delle strutture tradizionali?
Sicuramente nel nostro paese iniziative di questo tipo avrebbero vita breve. Cosa ne pensate?

Dott. Alessandro Foroni
Dott. Alessandro Foronihttps://www.gdonews.it
Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

6 Commenti

  1. IMHO Tesco è da sempre all’avanguardia nell’intercettare i bisogni dei consumatori e quindi questa iniziativa è degna di attenzione. Non vedo conflitti tra il self-retail ed il servizio, anzi penso che il personale del PdV sgravato dall’attività di “cassa” possa dedicare più tempo al contatto con il cliente ed ai servizi ausiliari. Certo che una sola persona non può fare tutto e quindi secondo me la chiave del successo/insuccesso è nel profilo e nella quantità di personale. ciao. giorgio saracco

  2. Caro Dott. Foroni,
    la penso come lei: se mai qualche catena operante in Italia sperimentasse una cosa del genere, prevedo anch’io vita breve e dietro front dopo pochi mesi.

    Stessa cosa per le aperture 24/h day , se mai arrivassero anche da noi come in USA, o le forzature tipo negozi tutto a 0,99 cent su alimentare e drogheria.

    E mi viene da aggiungere: per fortuna.

    Comunque, per rimanere sul tema specifico del post, la barriera casse è uno dei punti più critici del pdv. E quindi è quello che più si presta a forzature, tagli , innovazioni e ogni azione che può far risparmiare, diversificare, o migliorare in efficienza nei confronti del concorrente.

    Resta il fatto che chi troverà l’uovo di colombo e rivoluzionerà la fabbrica dello scontrino , avrà fatto centro e si sarà assicurato un vantaggio competitivo per i prossimi vent’anni.

  3. beh la tecnologia va in quel senso, appena si libereranno le freuqneze, l’autority sulla privacy stabilirà regole sul come farle funzionare, e verrano chiusi un paio di bug che ci sono nel sistema.
    si passerà alla cassa senza svuotare il carrello.

  4. Faciliterebbe da noi, i furbi.E se si dovesse arrivare a inserire dei codi a barra anti taccheggio:i costi…..
    si avrebbe sempre convenienza nel ottimizzare gli stessi inerenti alla risorsa umana?

  5. L’Italia non è ancora pronta per un format simile e la prova di ciò che i sistemi così evoluti vengono testati in mercati più evoluti. Se non sbaglio Indicod-ECR e Rinascente stanno testando la tecnologia rfid da mesi comunque… Sergio pensa però ai costi risparmiati sul personale, considerando però anche tutti i risvolti “etici” che avrebbe l’inserimento di una tecnologia simile (licenziamenti… in un paese dove i sindacati sono più forti che altrove). Anche il cliente richiederebbe di essere “addomesticato” a questa tecnologia, mi riferisco alle fasce d’età più avanzate che ancora danno valore al rapporto umano sul punto vendita soprattutto nei piccoli pdv.

    Piuttosto potrebbe avere una ideale applicazione graduale, andando a sostituire in un primo momento le casse a scorrimento veloce, staremo a vedere…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Penny Italia entra nei suoi 30 anni dopo un 2023 da...

0
L’azienda celebra i suoi 30 anni e racconta un 2023 di crescita alla conferenza stampa annuale. Cernusco Sul Naviglio, 17.04.24 | Si tiene il 17...

Esselunga apre a Mantova la profumeria Essere Bella

0
Ampliata anche l’offerta del superstore di piazzale Mondadori che si arricchisce di un’enoteca con sommelier  A circa tre anni dall’apertura del primo negozio a Mantova...

Despar Italia accelera nel percorso di crescita: 2023 incassi per 4,4...

0
Continua il percorso di crescita di Despar Italia, la società consortile che riunisce sotto il marchio Despar sei aziende della distribuzione alimentare e i...

Riapre lo storico supermarket Esselunga di via Monte Rosa a Milano

0
Ha riaperto oggi martedì 16 aprile lo storico negozio Esselunga di Milano in via Monte Rosa. Il supermarket è il secondo negozio che Esselunga ha aperto a Milano...

Risparmio Casa apre a Legnano

0
Risparmio Casa, il gruppo italiano specializzato nella distribuzione di prodotti per la cura della casa e della persona, ha aperto in Via Carlo Jucker...