Una parte della Sinistra litiga con la Coop per i fagiolini

0

La Coop da tempo ha sviluppato una politica rivolta al «commercio equo e solidale», ovvero all’acquisto di prodotti in disagiate parti del mondo per favorire l’economia di singole aziende (o cooperative) e quindi i dipendenti delle stesse. Il buonismo qui si associa ad un reale vantaggio economico: quello di acquistare determinati prodotti (thè, caffè, etc.) a prezzi sbalorditivi rispetto ai nostri. Ultima novità del sopraccitato commercio equo solidale è appunto un accordo per l’acquisto di fagiolini provenienti dal Burkina Faso. La cosa curiosa è che quei fagiolini, sono stati considerati da Rifondazione Comunista una vera pietra dello scandalo. Al punto da sferrare un attacco senza precedenti, a mezzo stampa, alla Coop. Questa la tesi presentata in prima pagina da Liberazione, il quotidiano del partito: l’operazione danneggia i nostri contadini, che si vedono arrivare sul mercato fagiolini a un prezzo inferiore di oltre un euro al chilo rispetto alla produzione italiana, ma anche i contadini africani, costretti a coltivarli a scapito delle produzioni locali. Come se non bastasse i vegetali arrivano in aereo, con perniciose emissioni di gas serra dai cargo che li trasportano. La Lega Coop ha ovviamente risposto in modo sarcastico a tale provocazione ma la sostanza rimane: Rifondazione nei panni dei leghisti a proteggere i nostri prodotti, la Coop oggetto di un accusa che nel mercato libero non ha senso di esistere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui