GDO News
Nessun commento

Benzina: Con il pieno al supermercato i francesi risparmiano 5-6 centesimi al litro

Sui carburanti è polemica. Così è stato per i farmaci, per i taxi, per i conti correnti bancari ed è ovvio che quando una categoria si vede mettere in discussione alcune rendite dovute alla non concorrenza cerchi di difendere il proprio status quo.
Adiconsum ha già evidenziato in una ricerca pubblicata in questi giorni la non concorrenza fra le compagnie petrolifere quando, nonostante il calo del prezzo del brent negli ultimi 12 mesi di circa il 20% (considerando anche il con cambio euro-dollaro), sia il prezzo del gasolio che quello della benzina è rimasto invariato.
Analizzando il comportamento delle compagnie, la riduzione massima non arriva allo 0,5%.
Adiconsum ha preso in esame i prezzi alla pompa nei supermercati, analizzando una ricerca sui carburanti nella rivista francese “Autoplus” che conferma come i prezzi dei carburanti nei supermercati sono più bassi.
Per il gasolio, nelle più grandi catene di supermercati francesi, il prezzo mediamente è 1,050 euro; nelle catene delle compagnie è di 1,110 euro, cioè 6 centesimi in più.
Per la benzina, nei supermercati, mediamente il prezzo è di 1,220 euro contro quello delle compagnie pari a 1,270 euro, cioè 5 centesimi in più.
Anche nei distributori italiani nei supermercati si ritrova la stessa differenza di 4-6 centesimi di risparmio rispetto alle compagnie petrolifere, che può arrivare anche a 10 centesimi se l’acquisto viene effettuato con la fidelity card del supermercato.
In altre parole: il risparmio per ogni auto, considerato un consumo di circa 1500 litri annui pari a 15-20.000 km percorsi, è di 50-100 euro che può anche raddoppiare con le fidelity card.
Ogni commento è superfluo. La concorrenza, quando c’è, consente al consumatore di risparmiare.

Tagged with: ,

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su