Tetra Pak presenta la prima confezione asettica con barriera a base carta

Prosegue speditamente il percorso di innovazione sostenibile per il packaging di Tetra Pak, tra i leader globali nelle soluzioni per il trattamento e il confezionamento alimentare che da oltre settant’anni guida la trasformazione del settore. Nel 2022, un primo lotto pilota di confezioni monodose realizzate con barriera alternativa a base carta è stato messo a scaffale per un test commerciale sui consumatori. Nel 2025, sarà pronta la produzione industriale su larga scala della prima confezione asettica con barriera a base carta, una soluzione alternativa agli attuali pack in cui è presente un sottilissimo strato di alluminio che, seppur garantendo la sicurezza alimentare, contribuisce a un terzo delle emissioni di gas serra legate ai materiali di base utilizzati.
Presentare oggi una nuova soluzione che è destinata a segnare un prima e dopo per il confezionamento asettico rappresenta per noi un motivo di grande orgoglio, ma al contempo di grande consapevolezza del valore condiviso, giorno dopo giorno, con i nostri partner, clienti e stakeholder della filiera agroalimentare – spiega Paolo MaggiPresidente Tetra Pak South Europe. Un ulteriore traguardo in un percorso che, a partire dall’invenzione della tecnologia asettica, segna la costante spinta all’innovazione sostenibile del packaging alimentare secondo Tetra Pak”.
Si prevede che le nuove confezioni con barriera alternativa a base carta possano offrire standard di protezione da luce e ossigeno, proprietà di protezione di qualità e caratteristiche organolettiche e nutrizionali del prodotto e shelf life comparabili con le confezioni asettiche tradizionali per prodotti a bassa acidità*. Il tutto con un significativo incremento di materie prime da fonti rinnovabili utilizzate e quindi una riduzione delle emissioni di CO2 ancora superiore rispetto al passato per una tipologia di confezione – i cartoni per bevande – già conveniente sotto questo profilo.
Nella roadmap di innovazione sostenibile Tetra Pak – evidenzia Laurence Mott, Executive Vice President Development and Technology Tetra Pak – l’incremento del contenuto di carta rappresenta una priorità chiave. I cartoni per bevande con barriera a base carta hanno infatti un chiaro potenziale per attirare l’interesse dei consumatori e realizzare un’economia circolare a basse emissioni di carbonio, aumentando l’attrattività di queste confezioni per le cartiere, grazie al maggiore contenuto di carta. L’approccio alla “paperization” è da tempo la direzione strategica che Tetra Pak ha scelto di percorrere prima che diventasse una tendenza per molte aziende ed è un criterio importante per rispondere in maniera efficace, e non contingente, alle prossime regolamentazioni europee in materia di packaging”.
Per continuare a guidare il settore nel segno dell’innovazione sostenibile, Tetra Pak investe annualmente a livello globale 100 milioni di euro con l’obiettivo di portare avanti il percorso di miglioramento del profilo ambientale dei propri cartoni per bevande. Parte di questo percorso la ricerca e lo sviluppo di confezioni realizzate con una struttura semplificata e un maggiore contenuto di materiali di base da fonti rinnovabili come nel caso della barriera alternativa a base carta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!