domenica 21 Aprile 2024

Circana (IRI): aprile nero per i discount, l’inflazione vola nei canali tradizionali

E' stato appena pubblicato il report di Circana (IRI) sull'andamento del LCC in grande distribuzione. Si confermano tutti i trend del 2023, con una crescita dell'inflazione del LCC nei canali Iper+Super+LSP ed una forte contrazione dei volumi di vendita del format Discount. Il fatturato progressivo del quadrimestre è in forte crescita sul pari periodo del 2022

A livello nazionale l’inflazione resta ancora alta dopo il sussulto di aprile che l’ha portata all’8,3% interrompendo la fase di rallentamento che era in atto da qualche mese. Inflazione che per una serie di ragioni fatica a fermarsi (a tal proposito è di estremo interesse il podcast realizzato da GDONews intervistando Lucrezia Reichlin, economista ed ex direttore generale della BCE), mentre il prodotto interno lordo – secondo i primi dati Istat – è in crescita. In questo contesto generale il report sull’andamento delle vendite del Largo consumo confezionato realizzato da Circana (ex Iri) fornisce un quadro nel quale l’inflazione resta elevata e l’LCC chiude il quadrimestre con un negativo prevedibile. Inevitabile dunque chiedersi se, a fronte dell’incremento del canale dei supermercati corrisponderà una sofferenza della contrazione dei volumi dato che abbiamo visto come nei discount – che almeno da settembre scorso hanno un’inflazione alta – la contrazione era già notevole almeno fin da marzo.

Andiamo quindi ad analizzare i dati che vedono un trend a valore in forte crescita nel Largo consumo confezionato che si posiziona attorno al 10%, con un fatturato nel primo quadrimestre 2023 di 31,4 miliardi, incrementando in maniera severa il valore realizzato nello stesso periodo dell’anno scorso. Un trend di crescita a valore dunque decisamente superiore all’intero 2022 nel quale era arrivato al 7,4%.

Per quanto riguarda il trend a volume, nell’insieme di tutti i canali di vendita, è del -3,6%. Rimane sostanzialmente quello del trimestre senza subire nuovi e particolari stress, mentre viene finalmente confermata la crescita della pressione promozionale che, come abbiamo già visto nell’inchiesta di Istituto Piepoli, sposa la voglia e la necessità degli italiani di acquistare maggiormente in promozione. C’è quindi una domanda a cui inizia a corrispondere un’offerta.

Nel Largo consumo confezionato il dato più eclatante riguarda senza dubbio il 13,5% raggiunto dall’inflazione, una percentuale alta che conferma quanto già visto nel mese di marzo. Passiamo quindi all’analisi dell’andamento dei fatturati nei diversi canali dove i tradizionali (Supermercati, Ipermercati, Libero servizio piccolo) registrano un calo, minimo, del -2,6% che va legato anche a quello inflattivo. Gli Specialisti casa e persona invece ottengono addirittura degli incrementi dei volumi di vendita con +3% ma il dato più rilevante rimane però quello dei discount che confermano il forte calo delle vendite a volume anche per il mese di aprile, con il progressivo da gennaio che si attesta a -6%. Un risultato molto negativo che se armonizzato con il -2,6% dei canali tradizionali, il +3% degli Specialisti casa persona e la voce discount, arriva con l’e-commerce a -3,6%. Canale questo che da gennaio a oggi, nel progressivo aggiornato al 30 aprile, ha perso 8,2%.

Il 6% negativo del discount dunque inizia ad avere un peso rilevante, molto più del -2,6% dei canali tradizionali che sostanzialmente crescono per inflazione ma non perdono volumi in modo deciso, al contrario degli stessi discount che registrano forti incrementi inflattivi e rilevanti contrazioni nelle vendite.

Un andamento che va letto anche in funzione di questa forte migrazione fotografata da Istituto Piepoli che però, di fatto, è possibile si debba rileggere fra qualche mese, dato che il discount ormai da un po’ di tempo – come nel primo quadrimestre di quest’anno – soffre una contrazione dei volumi di vendita. Si determinerà quindi una generale diminuzione o degli scontrini medi oppure della loro numerica.

La sfumatura più interessante fra i dati raccolti da Circana si ottiene poi confrontando l’andamento inflattivo nel LCC che è arrivato al 13,5% progressivo nei canali tradizionali avvicinandosi moltissimo al 14,8% all’interno dei discount. La loro forte contrazione nelle vendite è forse figlia del perdurare di questa situazione inflattiva che si mantiene su simili livelli ormai da sei o sette mesi, mentre i canali tradizionali sono su percentuali più alte da un tempo inferiore, con un progressivo medio chiuso a 7,5% nell’intero anno 2022 (era fra l’8 e il 9% negli ultimi mesi dell’anno scorso). Adesso invece è aumentata molto anche in quei canali, anche a causa dell’inflazione delle grandi marche industriali, mentre nei discount le dinamiche dei prodotti a marca propria, come detto più volte, li portano ad essere i primi ad incrementare i listini per la poca marginalità che hanno a disposizione.

Altro dato significativo infine è quello degli Specialisti casa e persona con un’inflazione che sfiora il 10% ma con i volumi in aumento (+3%) mentre l’e-commerce è invece in forte contrazione con un’inflazione bassa, confermando un oggettivo stato di grossa difficoltà.
Questi dunque i passaggi più interessanti di un quadrimestre che ha raccontato un’evoluzione rispetto alla fine del 2022, mettendo in risalto l’inflazione dei canali tradizionali e l’oggettiva difficoltà dei discount. Resta da vedere allora cosa succederà nel corso dell’estate.

PER CONTATTARE CIRCANA CLICCA QUI

 

Ultimi Articoli

Penny Italia entra nei suoi 30 anni dopo un 2023 da...

0
L’azienda celebra i suoi 30 anni e racconta un 2023 di crescita alla conferenza stampa annuale. Cernusco Sul Naviglio, 17.04.24 | Si tiene il 17...

Esselunga apre a Mantova la profumeria Essere Bella

0
Ampliata anche l’offerta del superstore di piazzale Mondadori che si arricchisce di un’enoteca con sommelier  A circa tre anni dall’apertura del primo negozio a Mantova...

Despar Italia accelera nel percorso di crescita: 2023 incassi per 4,4...

0
Continua il percorso di crescita di Despar Italia, la società consortile che riunisce sotto il marchio Despar sei aziende della distribuzione alimentare e i...

Riapre lo storico supermarket Esselunga di via Monte Rosa a Milano

0
Ha riaperto oggi martedì 16 aprile lo storico negozio Esselunga di Milano in via Monte Rosa. Il supermarket è il secondo negozio che Esselunga ha aperto a Milano...

Risparmio Casa apre a Legnano

0
Risparmio Casa, il gruppo italiano specializzato nella distribuzione di prodotti per la cura della casa e della persona, ha aperto in Via Carlo Jucker...