Crai (New FDM Radenza) acquisisce le Coop in Sicilia

3

Non sarà affiliazione ma vendita quella di Coop Alleanza 3.0 a New FDM Radenza, del gruppo Crai. Lo scorso 25 giugno il Cda di Coop Alleanza 3.0 ha deciso di vendere, infatti, i 12 negozi a insegna Coop della Sicilia al gruppo Crai dell’isola. Il vertice di Coop Alleanza 3.0 ha ribadito l’intenzione di rispettare l’obbligo, assunto con la sottoscrizione del protocollo del 23 luglio 2020, di un confronto con i sindacati prima dell’apertura della procedura di legge. Vedremo cosa accadrà sebbene il gruppo Radenza, per ottenere il si del CdA di Coop Alleanza ha presentato “un progetto atto a raggiungere sin dal primo anno un generale equilibrio economico e stabilire un trend di crescita progressivo nel triennio a seguire”. Per il prossimo 5 luglio è stato fissato un nuovo incontro con il Gruppo entrante alla presenza dei rappresentanti sindacali e delle strutture territoriali. E’ in ogni caso certo che il subentrante deve garantire il mantenimento e lo sviluppo della rete Coop in Sicilia, un compito tutt’altro che semplice.

La crisi degli ipermercati non è un fenomeno riferibile alla Coop ed alla Sicilia, è un problema oggettivo che trova la sua radice nei bassi fatturati ed altissimi costi di gestione. La sfida di ogni retailer è quella di dare equilibrio e questa equazione, ma nel caso degli ipermercati spesso si tratta di una vera e propria “mission impossible”.

Cambierà l’assortimento, cambieranno i prodotti a marchio, cambierà probabilmente l’impostazione del modello di business ma, toccando questa, come si potrà mantenere il livello occupazionale?

New FDM Radenza ha sicuramente dei bilanci buoni (il prossimo lunedì uscirà l’ultima parte dello studio dei bilanci di 16 retailer appartenenti alla supercentrale Forum, tra cui appunto la New FDM Spa di Radenza), ma non ha cultura di gestione di negozi oltre i 6000 mq. La sua MDD è fatta su misura per i format di prossimità, gli ipermercati sono una cosa diversa.

L’acquisizione dei Simply in precedenza di proprietà di Auchan si era rivolta a negozi che non uscivano dalla loro expertise, ma in questo caso dei 12 punti di vendita ben 5 misurano oltre 6.000 mq, altri 3 sono tra i 2.000 ed i 4.000 mq, e solo 5 rientrano nei format in cui Radenza ha saputo fare molto bene.

Sarà una bella sfida: il fatturato alle vendite del gruppo Crai siciliano dovrebbe adesso arrivare a 700 mila euro. E’ il terzo player dell’isola. Con questa acquisizione il processo evolutivo della GDO territoriale si è definitivamente compiuto.

 

Dott. Andrea Meneghini
Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare. E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei diversi format in Italia ed in Europa. Collabora con alcuni Gruppi della GDO italiana nelle aree di crisis communication management e news management. Affianca la Direzione Generale di alcuni Gruppi della GDO nella gestione delle strategie aziendali. Collabora anche con aziende del Mass Market Retail all'estero come assistant manager sull'italian food. Si può contattare scrivendo a meneghini@gdonews.it

3 Commenti

  1. Peccato, sono un cliente COOP da più di 10 anni e devo dire che avevo trovato un ottimo rapporto qualità prezzo in tutti i reparti soprattutto in quello del fresco, speriamo che la CRAI oltre a preservare il posto di lavoro agli attuali dipendenti COOP sia all’altezza dell’organizzazione e soprattutto della scelta dei prodotti a marchio che possano sistituire quelli che la COOP definiva FIOR FIORE.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui