martedì 16 Aprile 2024

Dopo molti anni i supermercati sono cresciuti più dei discount (nella fase 1). Un approfondimento sulle ragioni

Il formato che ha riscosso una larga parte del successo delle vendite nel periodo del lockdown è stato il Libero Servizio. I punti di vendita di estrema prossimità sono cresciuti nei 60 giorni di chiusura, marzo e aprile, del 24,4% nel comparto dei freschi e del 28,6% in quello del grocery.

Sono numeri molto rilevanti in valore percentuale, ed è molto rilevante lo sforzo compiuto per poter sopportare un incremento così consistente in un formato che spesso non ha le dimensioni per poter gestire queste crescite, e talvolta nemmeno le risorse umane.

Una curiosità: all’interno di quel formato l’incremento è stato più consistente sul versante delle vendite della LCC rispetto ai freschi, ma la spiegazione appare ovvia: in condizioni di normalità il negozio sotto casa riesce comodo per il consumatore esattamente per gli acquisti dei freschissimi, ad integrazione delle spese più cospicue effettuate nei grandi formati, oppure nei discount. Da qui l’incremento di proporzioni maggiori di merce LCC dato il ruolo di riferimento che la prossimità ha assunto nel periodo di chiusura delle attività e di distanziamento sociale.

In questa pubblicazione si è voluto analizzare qual’è il peso dei diversi formati di vendita all’interno delle quote di mercato della GDO, perchè non è detto che se alcuni formati di vendita abbiano portato ad incrementi a doppia cifra rilevanti equivalga a dire che la grande distribuzione stia crescendo, ed i suoi attori incrementando i ricavi. Non è così. Nelle prossime righe andremo nel dettaglio delle vendite per formato, per categoria merceologica, ed Infine approfondiremo le vendite del canale discount, analizzando la distribuzione della sua quota di mercato suddivisa per i diversi formati di vendita. La crescita del canale di convenienza, buona ma inferiore a quella dei supermercati, per essere compresa a fondo deve verificare un presupposto: quanta parte di quota è destinata al consumatore di prossimità? Quanti i punti di vendita di grandi dimensioni che agiscono sul mercato con le medesime logiche dei superstore e che, quindi, potrebbero essere stati penalizzati dalle regole di confinamento? Sono stati tutti profittevoli questi negozi? Quali sono le categorie a rischio? Da quale parte si sta indirizzando il mercato?

La quota di mercato nazionale del Libero Servizio, il formato che ha beneficiato dei maggiori incrementi è del

L’ARTICOLO COMPLETO, I RELATIVI GRAFICI, IMMAGINI ED ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI. VERIFICA QUALE ABBONAMENTO E’ IL MIGLIORE PER LE TUE ESIGENZE

SEI GIA’ ABBONATO? ACCEDI QUI
.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Aldi

Aldi prosegue il piano di espansione Milano annunciando una prossima apertura...

0
ALDI, parte del Gruppo ALDI SÜD, realtà multinazionale di riferimento della Grande Distribuzione Organizzata, è lieta di annunciare la prossima apertura di un nuovo negozio...

Si accende l’insegna Coop in via Ferrarese a Bologna: il nuovo...

0
Si è accesa oggi,  12 aprile l’insegna della nuova Coop in via Ferrarese 12 a Bologna.  Il nuovo negozio di Coop Alleanza 3.0, è stato...

Carrefour Italia x Cents: partnership per la sostenibilità

0
Carrefour Italia conferma la sua sensibilità verso le tematiche di  responsabilità sociale e ambientale e continua a puntare sull’innovazione digitale grazie ad un  accordo...

Pam Panorama: doppietta di aperture in franchising a Milano

0
Pam Panorama festeggia l’apertura di due nuovi punti vendita in franchising ad insegna Pam nella città di Milano in via Giuseppe Meda, 41 e...

ALTASFERA: significativo traguardo di 100 milioni di euro

0
Altasfera, insegna Cash & Carry di Maiora S.r.l., nata per rispondere alle esigenze degli operatori Ho.Re.Ca., del food e del retail nel centro-sud Italia,...