GDO News
Nessun commento

La GDO e le responsabilità sulla lotta al Cancro: bella iniziativa di Coop Lombardia

Ogni giorno in Italia si diagnosticano più di 1.000 nuovi casi di cancro e dal sito dell’ AIRC si spiega che nel corso della vita circa un uomo su 2 e una donna su 3 si ammalerà di tumore. Un dato molto importante è il seguente: considerando l’intera popolazione, escludendo i carcinomi della cute, i tumori in assoluto più frequenti sono quelli del colon retto (13,7 per cento) e della mammella (14,1 per cento). Per questa ragione chi svolge un mestiere intorno all’alimentazione ed agli alimenti ha sempre più una diretta responsabilità ed è in grado di dare un contributo alla soluzione di questo grave problema.

In tale ottica va rilevata la bella iniziativa posta in essere da Coop Lombardia. Per la prima volta ricercatori e nutrizionisti entrano al supermercato per suggerire gli alimenti ideali per comporre colazioni, spuntini e pasti salutari e dare consigli sull’alimentazione quotidiana. L’innovativo progetto è realizzato da Coop Lombardia e IEO – Istituto Europeo di Oncologia, sulla base delle linee guida del team Smartfood IEO, programma di ricerca e divulgazione scientifica. La nuova frontiera della scienza della nutrizione è infatti quella di individuare abitudini alimentari che possano ridurre il rischio di malattie croniche (diabete, patologie cardiovascolari, tumori) e aumentare l’aspettativa di vita.

Nell’intera rete di vendita Coop Lombardia si trovano aree espositive permanenti a rotazione stagionale dedicate alla salute e alla prevenzione, le isole Smartfood, identificate dal claim Cibo e salute: cosa dice la scienza. Qui i clienti possono scegliere tra alimenti come frutta e verdura fresca di stagione; semi, frutta secca e disidratata; spezie; cereali e legumi; pesce, uova e latticini; minestroni e zuppe; cioccolato e caffè. Tutti ingredienti indicati da Smartfood IEO per piatti salutari.

Alfredo De Bellis, Vice presidente vicario Coop Lombardia: “La tutela delle persone e della loro salute è stata fin dalle origini uno dei cardini della nostra mission e siamo sempre stati attenti a offrire ai clienti prodotti di alta qualità a prezzi accessibili. Siamo orgogliosi di aver avviato questo innovativo progetto con IEO perché ci permetterà di presentare ai consumatori un servizio ulteriore nell’ambito del benessere e della sana alimentazione. La collaborazione con l’Istituto Europeo di Oncologia è iniziata sul piano culturale, lo scorso anno, con l’idea della mostra fotografica ‘Io ero, sono, sarò’ realizzata dalla fotogiornalista Silvia Amodio per sensibilizzare sulla prevenzione contro il tumore al seno. Ora il programma si concretizza con un altro passo che darà il via nei prossimi mesi anche a un’attività charity. Con la vendita di questi prodotti sarà infatti dato un contributo alla ricerca scientifica oncologica e cardiovascolare della Fondazione IEO-CCM”.

Mauro Melis, Amministratore Delegato IEO: “La prevenzione è un cardine dell’attività clinica e della ricerca dell’Istituto Europeo di Oncologia . Gran parte dei nostri investimenti in scienze genomiche e in tecnologie hanno l’obiettivo di comprendere l’origine della malattia tumorale e intercettare i meccanismi che la scatenano. La grande sfida è arrivare prima del cancro. Sappiamo però che in questa sfida il sapere non basta, perché per battere d’anticipo il tumore bisogna proteggersi quando si è sani anche attraverso stili di vita adeguati, in primis l’alimentazione. Ma la popolazione ancora non è abbastanza convinta e consapevole di questa opportunità di salute. Per questo, per un Istituto di ricerca e cura come il nostro, è importante trovare partners in grado di diffondere il messaggio e di incidere sui comportamenti quotidiani delle persone. Coop Lombardia è un alleato ideale per la sua cultura aziendale e il suo radicamento sul territorio. Speriamo, dopo l’esperienza nella nostra Regione, di poter estendere la nostra collaborazione a livello nazionale”.

I cibi selezionati e presenti nelle isole Smartfood sono accompagnati da cartellonistica dedicata e leaflet informativi su come comporre i pasti, sui fabbisogni nutrizionali e sui miti legati all’alimentazione. Sarà inoltre a disposizione personale Coop, i “Cantastorie”, formato dal team Smartfood IEO, per dare maggiori informazioni sulle caratteristiche del progetto. Le tematiche dell’alimentazione sana e degli stili di vita salutari saranno affrontate dai ricercatori e nutrizionisti Smartfood IEO anche durante seminari aperti al pubblico.

Lucilla Titta, coordinatrice del programma Smartfood IEO: “Uno dei temi principali alla base della comunicazione del progetto è il ‘piatto sano’ che dovrebbe essere composto per metà da frutta e verdura di stagione, non solo come contorno ma anche come ingrediente per primi e secondi piatti. La varietà è fondamentale anche per quanto riguarda le fonti di proteine: è consigliabile consumare pesce azzurro di piccola taglia tre volte a settimana, e carne bianca, uova e latticini massimo due volte a settimana ciascuno. I legumi rappresentano un’ottima fonte proteica ricca di fibre da portare in tavola almeno tre volte a settimana. Un quarto del piatto sano deve essere costituito da fonti di carboidrati complessi come pane, pasta e cereali in chicco, sempre meglio integrali. Infine si possono scegliere erbe aromatiche e spezie per ridurre l’uso di sale e naturalmente l’immancabile olio extravergine di oliva come condimento principale”.

 

Tagged with:
Dati dell'autore:
Ha scritto 852 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su