GDO News
Nessun commento

Esclusivo: ecco le regioni in crisi di fatturato

I dati di mercato che abbiamo analizzato in questi mesi sono stati piuttosto chiari: esistono alcune zone del Paese che soffrono in particolar maniera. In questo articolo cercheremo di comprendere nel dettaglio qual è la situazione e come si sta evolvendo regione per regione.

L’area 1, ad esempio, è uno dei casi più problematici del 2018. Un macro territorio dove l’offerta degli Ipermercati è molto rilevante nella ponderata del fatturato generale e dove il format sta soffrendo. Entrando in analisi per regione si comprende cosa stia succedendo: Piemonte e Lombardia, le zone dove l’offerta Ipermercati è prevalente, sono in leggera sofferenza in termini di valore nel dato progressivo che si traduce in una crisi dei volumi assolutamente più rilevante.

La Val D’Aosta, piccolo territorio ed assolutamente peculiare, cresce molto, così come la Liguria soprattutto nei volumi (grafico 1).

Esattamente lo scorso anno l’area 2 soffriva moltissimo: anche nel periodo estivo quando tutte le altre aree erano in crescita in questo territorio dominava la stagnazione. Oggi la situazione è completamente differente. Anche qui il segmento Ipermercati ha la sua rilevanza, ma l’offerta supermercati e superstore è comunque prevalente.

L'Emilia Romagna, nel progressivo Maggio 2018, sta crescendo e lo sta facendo soprattutto a valore (grafico 2).

Il Friuli Venezia Giulia è in moderata crescita soprattutto a valore più che a volume. Il Trentino Alto Adige ed il Veneto sono i veri protagonisti della crescita. In entrambe le regioni gli attori sul mercato sono sani e performanti, hanno lasciato nel passato le loro "scorie" e, moderne, si rivolgono al futuro.

Soprattutto il Veneto, dove sia la GD che la DO sono protagoniste,

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Dati dell'autore:
Ha scritto 540 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su