domenica 19 Maggio 2024

Dash compie 50 anni e festeggia con uno spot

Ad un certo punto quando non era più colmo di detersivo si spostava nella camera dei figli, antesignano del cesto per i giocattoli. Per le mamme più creative era oggetto di fantasia applicata: foderato con carte belle o con stoffe, magari riciclate da un vecchio tendaggio. Il fustino sta alla memoria collettiva come altri oggetti di casa di quegli anni, il mangianastri, il subbuteo e i primi piatti di plastica che ci facevano sentire molto moderni. Il Dash compie 50 anni e sembra di sfogliare un album di ricordi vedendo lo spot che P&G ha preparato per l’occasione (in fondo all’articolo).

Arrivato per la prima volta nei negozi sul finire del 1965 ha accompagnato il boom economico e pazienza se inquinava tantissimo, non lo sapevamo, non avevamo la coscienza green acquisita oggi.

Era l’epoca in cui le minigonne e i blue jeans davano una scossa a tutta la società e fare continuamente il bucato in polvere con la lavatrice era all’inizio quasi uno status .

Dalla prima polvere fino alle pastiglie 3in1 di oggi, il primo detersivo liquido monodose con tre comparti: negli anni Sessanta ha conquistato le donne italiane con il “bianco splendente” e la popolarità di un giovanissimo Mike Bongiorno. Ha attraversato indenne i cambiamenti degli anni Settanta con il mitico “Scambio impossibile” proposto da Paolo Ferrari, lo spot dei due fustini in cambio di uno che è ancora un tormentone nella memoria collettiva del nostro Paese. A inizio degli anni Ottanta, quando le abitazioni del nostro Paese sono diventate meno spaziose, Dash, per primo, si è trasformato in valigetta, il fustino rettangolare, abbandonando l’iconico cilindro blu che nelle case veniva ormai riutilizzato anche come indistruttibile contenitore. E’ diventato compact quando, nel 1990, si è diffuso il bisogno di risparmio e di attenzione all’ambiente. Si è profumato di marsiglia quando, ad inizio anni Duemila, è riemersa la nostalgia per il bucato delle nonne. Dall’87 in poi, con Missione Bontà, si è impegnato nei progetti di aiuto ai bambini e ha anticipato, primo tra i brand commerciali, l’emergere di una sensibilità sociale in Italia. E poi quegli spot: “il bianco che più bianco non si più” delle lenzuola stese al sole, le donne soddisfatte del risultato, il presentatore che insiste per lo scambio di fustini.

[Via ANSA]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Demografia, sociologia ed economia, le famiglie italiane sospese fra presente e...

0
In occasione della seconda giornata della 39° edizione de Linkontro, l’evento di riferimento nel mondo del Largo Consumo di NIQ, i relatori Christian Centonze,...

Foggia: Gruppo Megamark investe più di 8 milioni per il suo...

0
Il punto vendita, realizzato secondo i dettami della sostenibilità ambientale, è il trecentesimo Famila in Italia. Novità assoluta il Bistrò Famila con cucina visiva.  Ha...

NIQ a Linkontro: frena l’inflazione, si raffreddano i prezzi ma gli...

0
NIQ (NielsenIQ) in occasione della 39° edizione de Linkontro, l’evento di riferimento nel mondo del Largo Consumo, registra per il 2024 oltre 900 presenze...

A Comacchio (FE) inaugura il primo PetStore Conad della città all’interno...

0
Dopo l’apertura dello Spazio Conad, Comacchio accoglie il nuovo PetStore Conad, il primo della città: oltre 5.000 referenze tra alimenti, prodotti dietetici e parafarmaci...

Il mondo delle meraviglie di FAO Schwarz arriva nel cuore di...

0
Dopo Milano, Parigi. FAO Schwarz, nato nel 1862 dal sogno di Frederick August Otto Schwarz di creare un luogo unico in cui i migliori...