sabato 18 Maggio 2024

Grandi supermercati, il terreno dove si sfidano i più forti: confronto delle redditività mq tra i protagonisti. Il caso Esselunga

I grandi supermercati di prossimità (1501-2500 mq) sono un cluster in crescita. Sono molti i retailer che si cimentano in questo formato, da Conad, Agorà, Selex, che negli anni hanno evoluto i loro punti vendita, a Coop, Carrefour, Esselunga, Il Gigante, Bennet che, pur essendo più focalizzati su formati superiori, sono anche ben presenti in questo specifico format. Tra di loro vi sono solide differenze: alcuni, come Coop e Carrefour su tutti, negli ultimi sei anni hanno diminuito le prestazioni per metro quadrato; altri sono invece cresciuti notevolmente, su tutti Agorà Poi esiste il caso Esselunga che l'articolo spiega numeri alla mano

I supermercati di prossimità misurano sino a 2500 mq e rappresentano la maggior parte del fatturato del totale GDO, ma nel suo interno le differenze tra i diversi cluster sono decisamente rilevanti. Un supermercatO da 2500 mq, infatti, è concepito con metodi ed obiettivi completamente diversi da uno di 500 mq.

Nelle scorse settimane, in una serie di pubblicazioni realizzate grazie agli studi dell’Istituto Georetail, abbiamo esaminato il grande mondo della prossimità dividendo per cluster i supermercati a seconda delle dimensioni: si è proceduto dapprima accomunando le superette con i piccoli supermercati sino a 800 mq, per poi analizzare i supermercati da 801 a 1500 mq, sino ad arrivare ai grandi supermercati che misurano da 1500 a 2500 mq.

Attori della DO come Conad, Selex, Coop, Agorà ed altri presidiano molto bene questo cluster di vendita, ma anche aziende come Il Gigante, Bennet e addirittura Esselunga sono molto attivi in questo tipo di offerta. In pratica questo è un terreno di scontro in cui si cimentano sia le catene che da sempre approcciano i grandi formati, sia quella parte della DO che si è evoluta, e che è fatta da insegne che negli ultimi anni hanno fatto grandi progressi rispetto ad altre.

Questa evoluzione deve essere considerata con attenzione perchè si tratta di un passaggio epocale: la storica DO oggi si divide tra chi ha saputo e potuto investire per aggiornare la propria offerta sul mercato e chi, invece, non ha saputo (o voluto) cambiare il suo modello di business approcciando negozi più grandi, perchè questo avrebbe determinato maggiori investimenti con un inevitabile e complicato aggiornamento delle strategie di assortimento a Cedi, cosa non banale.

Questa evoluzione ha portato i player citati sopra ad entrate nei bacini di utenza con negozi di grandi dimensioni, mettendoli in diretta concorrenza con quelli più piccoli, i quali hanno iniziato ad andare in sofferenza. L’effetto della saturazione del mercato, inevitabile, è quello che abbiamo sottolineato in queste settimane: i supermercati di piccole dimensioni sono in affanno (non i discount delle medesime misure), mentre i supermercati più grandi (sino a 1500 mq) crescono in modo esponenziale. L’ultimo “cluster” della prossimità, quello appunto che da 1501 arriva a 2500, dal 2016 al 2022 non ha seguito la sorte ne dei piccoli supermercati, ma nemmeno quella dei supermercati attorno ai 1000 mq, e dopo lo vedremo.

Come si vedrà entrando in analisi, in un cluster comunque di successo come quello oggetto di questa pubblicazione, vi sono alcuni attori (insegne) che hanno diminuito in maniera consistente la qualità delle loro prestazioni.

Questo dato è preoccupante, perchè se un’insegna diminuisce la numerica dei suoi negozi in un determinato cluster di vendita, o in un determinato territorio, e perde fatturato, il problema esiste ma si comprende e si giustifica. Quante volte abbiamo assistito ad un ridimensionamento di alcune aziende perchè hanno deciso di cedere una parte dei suoi punti vendita. Ma se un’insegna perde fatturato in conseguenza della depressione delle prestazioni per metro quadrato, allora la situazione è molto più seria, perchè perde terreno senza dismettere nessun negozio.

Chi dovrebbe conoscere queste dinamiche non è tanto la GDO, che ha comunque necessità di conoscere le proprie prestazioni, ma soprattutto di metterle a confronto con quelle dei suoi concorrenti; ma è l’industria che dovrebbe essere assillata da questi numeri.

Le sue linee di prodotto seguono inesorabilmente la sorte del negozio in cui sono posizionate (ovvero del suo contenitore di prodotti). Ancor più interessante è, però, la verifica degli andamenti delle redditività per mq, perchè è solo il trend che aiuta a comprendere bene ciò che potrebbe accadere nel prossimo futuro.

Questo articolo, realizzato grazie al grande studio dell’Istituto Georetail, porterà in evidenza le prestazioni per metro quadrato dei supermercati tra 1501 e 2500 mq, distinguendo i valori ed i trend sia per territorio che per insegna.

Prima considerazione:

L’ARTICOLO COMPLETO, I RELATIVI GRAFICI, IMMAGINI ED ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI. VERIFICA QUALE ABBONAMENTO E’ IL MIGLIORE PER LE TUE ESIGENZE

SEI GIA’ ABBONATO? ACCEDI QUI
.

Dott. Andrea Meneghini
Dott. Andrea Meneghinihttps://www.gdonews.it
Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare. E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei diversi format in Italia ed in Europa. Collabora con alcuni Gruppi della GDO italiana nelle aree di crisis communication management e news management. Affianca la Direzione Generale di alcuni Gruppi della GDO nella gestione delle strategie aziendali. Collabora anche con aziende del Mass Market Retail all'estero come assistant manager sull'italian food. Si può contattare scrivendo a meneghini@gdonews.it

Ultimi Articoli

Demografia, sociologia ed economia, le famiglie italiane sospese fra presente e...

0
In occasione della seconda giornata della 39° edizione de Linkontro, l’evento di riferimento nel mondo del Largo Consumo di NIQ, i relatori Christian Centonze,...

Foggia: Gruppo Megamark investe più di 8 milioni per il suo...

0
Il punto vendita, realizzato secondo i dettami della sostenibilità ambientale, è il trecentesimo Famila in Italia. Novità assoluta il Bistrò Famila con cucina visiva.  Ha...

NIQ a Linkontro: frena l’inflazione, si raffreddano i prezzi ma gli...

0
NIQ (NielsenIQ) in occasione della 39° edizione de Linkontro, l’evento di riferimento nel mondo del Largo Consumo, registra per il 2024 oltre 900 presenze...

A Comacchio (FE) inaugura il primo PetStore Conad della città all’interno...

0
Dopo l’apertura dello Spazio Conad, Comacchio accoglie il nuovo PetStore Conad, il primo della città: oltre 5.000 referenze tra alimenti, prodotti dietetici e parafarmaci...

Il mondo delle meraviglie di FAO Schwarz arriva nel cuore di...

0
Dopo Milano, Parigi. FAO Schwarz, nato nel 1862 dal sogno di Frederick August Otto Schwarz di creare un luogo unico in cui i migliori...