Covim: nuovo Cedi per stoccaggio caffè crudo e lancio dei solubili compatibili Dolce Gusto

0

“Il mercato del caffè macinato ha vissuto sicuramente una grande crescita durante la pandemia, che ha interessato soprattutto le aziende strutturate ed inserite come la nostra” spiega Daniele Picenelli, area manager Italia di Covim Spa “fino a qualche anno fa la pressione promozionale era inesistente perché vi erano poche realtà dedicate alle capsule, ma con l’affacciarsi di nuovi player sul mercato la situazione è cambiata. Covim propone prodotti per strategie sia every day low price sia di alta qualità, sempre più richiesti, come il caffè monorigine e le limited edition, rispondendo di fatto ad ogni possibile esigenza dei propri clienti anche in capsule d’alluminio riciclabili”.

La torrefazione genovese vanta una struttura commerciale, marketing e logistica all’avanguardia che le consente di essere fortemente competitiva in ogni mercato.  Tra gli investimenti realizzati nella  ristrutturazione aziendale, grazie alla quale sono stati inserite nuove figure, è di rilievo indicare la costruzione di un magazzino automatizzato con oltre 6.000 posti pallet disponibili, che consente un’ottimale gestione delle richieste e diventa altamente strategico per i prodotti a marchio sia in Italia che in Europa. L’azienda è infatti in grado di evadere in maniera veloce e puntuale gli ordini che arrivano, oggi sempre più contenuti ma frequenti,  diventando di fatto fortemente attrattiva per i buyer della GDO.

L’alta innovazione si traduce anche qualità e distintività di assortimento, Covim è stata infatti la prima realtà a introdurre sul mercato le capsule compostabili, prima con A Modo Mio , a seguire Nespresso e poi con Dolce Gusto. Una novità che risponde alla necessità di offrire prodotti sostenibili, richiesta inizialmente soprattutto dal mondo del discount – rivelatosi il canale più attento in questo ambito – ma poi anche da tutti gli altri attori della distribuzione.

Nell’ampliamento della torrefazione dello stabilimento di 8.000 mq è stato inoltre riservato uno spazio ad una nuova start up dedicata ai solubili, con linee di produzioni per Dolce Gusto, A Modo Mio e per il vending di cui l’azienda è riconosciuto player a livello nazionale e per il canale dei negozi specializzati . Le novità del 2021 saranno le capsule dolce gusto solubili (cortado, caffè & ginseng, noccilino, cioccolato the , soia) ed a seguire il caffè in tutte le sue varietà.

“Di fatto, quello dei solubili è un mondo dalle infinite possibilità – continua Picenelli – si pensi al ginseng, oppure alle soluzioni con il latte di soia combinato con altri prodotti e, in generale, a tutte le proposte legate a salute e benessere, che rappresentano un mercato molto importante a cui Covim guarda con estrema attenzione”.

Fondamentale in questo processo evolutivo è la filiera: la produzione infatti, acquistando il caffè nei Paesi di origine e portandolo direttamente in azienda grazie al nuovo impianto di stoccaggio del caffè crudo, permette a Covim di gestire al meglio gli approvvigionamenti, ottimizzare i costi, razionalizzare i processi di alimentazione degli impianti di produzione e, ovviamente, aumentare la capacità di stoccaggio del caffè.

Il nuovo magazzino entrato in funzione ad inizio 2021 ha una capacità di stoccaggio di 1380 Ton di caffè verde in 60 celle da 23 Ton/cad, una quantità equivalente a circa 20 gg. di autonomia. L’impianto sarà predisposto per il ricevimento del prodotto in tutte le tipologie di contenitori al momento in uso (sacchi, “Big-Bags”, “Bulk”, cassa mobile o cisterna.

La capacità di ciascuna cella (23 Ton) è sufficiente per ricevere qualsiasi tipo di contenitore. Ciò ci consentirà di poter effettuare trasporti diretti di contenitori completi dal porto alla torrefazione senza far transitare la merce nei magazzini dello Spedizioniere.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui