domenica 21 Aprile 2024

Coop Sait: incrementi a doppia cifra con un Bilancio eccezionale. Il successo del modello trentino nel mondo Coop

Coop Consorzio Sait appartiene al mondo coop Italia ed ha sempre vissuto ai margini del sistema coop per una serie di differenze che la contraddistinguono: intanto è un consorzio composto da un insieme di cooperative, meglio dire anzi famiglie cooperative, socie dell’azienda consorziale e titolari di 300 negozi di dimensioni medio piccole. Tale consorzio eroga ai soci (circa 70) una serie di servizi ed allo stesso tempo gestisce direttamente una decina di negozi di sua proprietà.

Nel periodo nero del mondo Coop, al principio dello scorso decennio, si trovò come le altre a gestire le difficoltà del mercato, difficoltà che portarono a cambi traumatici anche a livello nazionale. Si ricordano le difficoltà delle Coop Operaie Trieste, della CoopCa di Tolmezzo, della necessità per le grandi cooperative del nord est di riunirsi per formare un’unica azienda, l’attuale Alleanza 3.0.

Anche SAIT ebbe le sue difficoltà che decise di risolvere da sola, confidando su sacrifici propri, con la propria competenza.

La cronaca più recente racconta di un’azienda in profonda trasformazione e spesso alla ribalta delle cronache per effetto delle decisioni che cambiavano la storia dell’azienda: storica è stata la battaglia con i sindacati per l’ottimizzazione dei costi del Cedi.

L’ultimo Bilancio pubblicato, quello del 2018, si è rivelato straordinario, noi stessi lo abbiamo raccontato in una serie di pubblicazioni.

Oggi l’azienda continua nel suo percorso di crescita ed è a pieno titolo, si può dire, il fiore all’occhiello del sistema Coop. Da piccolo anatroccolo (mai brutto) la Coop Sait si è trasformata in un cigno, le cui dimensioni sono sempre più vicine ad una delle grandi Coop, quella della Liguria.

Il Presidente, Roberto Simoni, intervistato nella nostra trasmissione “Il supermercato delle idee” racconta quali sono le caratteristiche che distinguono il consorzio, i risultati ottenuti dal profondo cambio deciso circa 5 anni fa e quali sono le strategie che hanno portato, durante il periodo della crisi epidemica, ad una crescita mai registrata dall’azienda e che perdureranno per mantenere più possibile la clientela acquisita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Penny Italia entra nei suoi 30 anni dopo un 2023 da...

0
L’azienda celebra i suoi 30 anni e racconta un 2023 di crescita alla conferenza stampa annuale. Cernusco Sul Naviglio, 17.04.24 | Si tiene il 17...

Esselunga apre a Mantova la profumeria Essere Bella

0
Ampliata anche l’offerta del superstore di piazzale Mondadori che si arricchisce di un’enoteca con sommelier  A circa tre anni dall’apertura del primo negozio a Mantova...

Despar Italia accelera nel percorso di crescita: 2023 incassi per 4,4...

0
Continua il percorso di crescita di Despar Italia, la società consortile che riunisce sotto il marchio Despar sei aziende della distribuzione alimentare e i...

Riapre lo storico supermarket Esselunga di via Monte Rosa a Milano

0
Ha riaperto oggi martedì 16 aprile lo storico negozio Esselunga di Milano in via Monte Rosa. Il supermarket è il secondo negozio che Esselunga ha aperto a Milano...

Risparmio Casa apre a Legnano

0
Risparmio Casa, il gruppo italiano specializzato nella distribuzione di prodotti per la cura della casa e della persona, ha aperto in Via Carlo Jucker...