GDO News
Nessun commento

PLMA: I supermercati europei stanno dando un forte impulso ai vini a marchio del distributore

La PLMA ha annunciato i vincitori dei premi Salute to Excellence Wine Awards di quest’anno ed è evidente che i supermercati europei stanno dando un forte impulso ai vini a marchio del distributore.

I distributori europei hanno infatti conquistato 42 dei 50 premi, assegnati per la migliore qualità o la maggiore convenienza in 25 categorie, giudicate in base a varietalità, stile e denominazione. Tra i vini vincitori spiccano il Grauburgunder di Metro per la categoria Pinot Grigio, il Fior Fiore Chianti Classico DOCG Rocca delle Macìe 2016 di Coop Italia per la categoria Chianti, il Nebbiolo Langhe DOC Vignaia Bauducco 2015 di Despar per i Rossi Italiani, lo Red Spagna di HEMA per i Rossi Iberici, La Cave d’Augustin Florent Beaumes de Venise 2017 di Carrefour per i Rossi Francesi e il Taste the Difference Champagne Brut Blanc de Noirs di Sainsbury’s Regno Unito per la categoria Champagne.

I discount Aldi e Lidl hanno vinto complessivamente 11 premi, confermando così la tendenza delle ultime competizioni Salute to Excellence, in cui si sono distinti come protagonisti indiscussi. I Paesi Bassi e la Germania hanno conquistato 12 premi ciascuno; l’olandese Albert Heijn si è aggiudicato da solo ben cinque premi.

A caccia del risultato, i supermercati europei hanno dato risalto a varietà d’uva poco conosciute. “Indubbiamente in Europa si osserva un orientamento verso i vitigni meno noti, una tendenza destinata a durare”, sostiene Jacqueline Snoeker, titolare di Vinergy, una società olandese di consulenza sul vino. “I consumatori sono stufi delle solite varietà, quali Cabernet Sauvignon, Merlot, Chardonnay e talvolta persino Sauvignon Blanc. Quindi questa tendenza non si estinguerà nell’arco di un anno o poco più.
Inoltre gli europei mostrano maggiore interesse nei confronti dei vini di produzioni di nicchia unitamente al desiderio di riscoprire il proprio continente.”

Dato di fatto: il distributore portoghese Sonae MC ha vinto il premio per il Bianco Iberico più conveniente con il suo Contemporal Loureiro DOC Vinho Verde 2018, mentre il riconoscimento per il Bianco Francese della migliore qualità è andato a un Roussanne distribuito dalla catena olandese HEMA, denominato Domaine Sainte Rose Barrel Selection Roussanne Pays d’Oc 2014.

“Non significa che dalle uve meno conosciute si ottengono sempre vini migliori, ma forse questi vini si distinguono per la loro unicità”, spiega la produttrice di vino britannica Jo Ahearne, MW. “Si nota infatti una forte propensione a ricercare provenienze e vitigni insoliti, e sembra trattarsi di una tendenza in crescita”.

I risultati completi sono disponibili su www.plmasalute.com/it/wine-awards. I Salute to Excellence Wine Awards internazionali sono una competizione sponsorizzata dalla Private Label Manufacturers Association con uffici a New York e ad Amsterdam. Le giurie di esperti di vino erano composte da diciotto membri, sia donne che uomini, comprendenti maestri del vino, sommelier, produttori di vino, scrittori di vino, educatori e distributori. Sono stati presi in considerazione e valutati oltre 350 vini presentati da 40 distributori di 11 paesi.

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su