GDO News
Nessun commento

Quote di mercato 2018: crescono MD, Agorà e Sun. Unes cresce e salva Finiper. Bene anche C3 e D.iT. Attenti all’insidia Discount

Il mercato italiano, a differenza della maggior parte dei mercati evoluti del mass market retail, è molto frastagliato: non esistono grandi concentrazioni di quote come ad esempio in Inghilterra, Francia oppure Germania. Il protagonisti del mercato che abbiamo analizzato nel precedente articolo sono quelle insegne che si distinguono per la rilevanza delle quote, ma sotto la descrizione "altri", in verità, troviamo molte organizzazioni ed aziende che sono davvero rilevanti in alcuni territori del Paese, tali che non è opportuno declassarne il valore in un generico "altri".
Ci sono aziende importantissime in Italia con quote sotto il 3% ma che, in alcuni territori, condizionano i mercati.

Occorre anche rilevare che spesso le variazioni delle quote di mercato di questi gruppi "minori" variano in funzione dei frequenti movimenti di gruppi affiliati. Questo ovviamente in sé non è un male e contribuisce a dare più forza contrattuale con l'industria a quelle centrali in grado di svolgere una politica di acquisizione di successo.

Il Gruppo PAM, ad esempio, è un'azienda che in alcuni territori ha sempre svolto un ruolo molto rilevante ed è una delle poche aziende in Italia che ha posto in essere la multicanalità in maniera molto seria. PAM è protagonista nel segmento Ipermercati, che probabilmente in questo momento storico sono più zavorra che risorsa, ma anche nell'offerta supermercati e superstore. La quota di mercato di PAM è passata dal 3% nel 2016 al 2,8% del 2018.

Il grafico rappresenta le quote di mercato della GDO italiana con gli scostamenti di tutte le Centrali di Acquisto nel triennio dal 2016 al 2018. Fonte: Nielsen

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

Un altro gruppo che evidenzia una flessione della sua quota di mercato, dovuta all'incidenza della quota Iper sul totale della superficie, è Finiper che perde

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su