GDO News
Nessun commento

Conad vicina al sorpasso: ecco le quote di mercato. Confronti delle quote GDO del trienno 2016-1018

Questo articolo, assieme ad un altro che andrà in pubblicazione la prossima settimana, racconta la situazione della GDO italiana e delle sue quote di mercato. GDONews si è preoccupata di fare una riflessione sullo stato dell'essere della GDO, in particolare ragionando sugli scostamenti delle quote di mercato di ciascun gruppo italiano nel triennio che va dal 2016 al 2018. E' stato un triennio incredibile dove, sebbene non lo si percepica, è in atto un terremoto destinato a cambiare completamente la fisionomia storica della GDO dalla sua nascita. Nel grafico si vedranno gli scostamenti nel triennio del leader e del principale follower (quasi leader) e si capirà quali saranno gli eventi che caratterizzeranno il prossimo futuro. Sarà molto interessante verificare come è cambiata la presenza del Discount e quantificare la sua crescita nel contesto della GDO nel triennio. Si parlerà di Vègè ("Premio Oscar miglior attore protagonista B2B") e delle due multinazionali francesi che, si vedrà nel grafico mobile, hanno perso molto terreno in questo triennio. L'articolo è riservato agli abbonati.

Gli ultimi tre anni hanno visto la ripresa della GDO dopo la lunga crisi iniziata nel 2008. Non tutti i protagonisti della grande distribuzione italiana hanno però saputo approfittare allo stesso modo della ripresa ed il risultato è che le quote di mercato dei principali retailer hanno subito variazioni anche importanti, ed il trend che si è delineato in questi anni è destinato a continuare.

 

 

Il grafico rappresenta le quote di mercato della GDO italiana con gli scostamenti di tutte le Centrali di Acquisto nel triennio dal 2016 al 2018. Fonte: Nielsen

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

Quali sono quindi i gruppi che hanno conquistato quote di mercato a discapito di altri e perchè?

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Tagged with: ,

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su