GDO News
Nessun commento

La crisi dei consumi in USA: per Wal Mart vendite al di sotto delle attese

Non sono segnali positivi quelli che arrivano da Wal-Mart, la più grande catena retail al mondo. I conti trimestrali del gruppo hanno mostrato vendite al di sotto delle stime degli analisti. A conferma che la persistente crisi globale dei consumi sta pesando non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo. Le vendite complessive nel terzo trimestre sono salite del 3,4%, a 113,2 miliardi di dollari, mentre gli analisti in media si attendevano ricavi per 114,96 miliardi. A pesare, soprattutto sul fatturato negli Stati Uniti, è stata la scelta commerciale di contenimento dei prezzi soprattutto su cibo ed elettronica. È vero che sempre più acquirenti fanno la scelta di comprare merce a rate, che viene contabilizzata solamente al termine dei piani di rimborso, e cioè nel quarto trimestre dell’anno, ovvero alla fine della stagione natalizia. Ma è anche vero che un mercato reattivo come quello cinese ha registrato un calo di partecipazione della clientela del 7%, conferma che la crisi è davvero planetaria.
Il problema della fiducia e del rilancio dei consumi è quindi globale. Certo la situazione negli Stati Uniti non è pesante come quella europea, dove non si assiste a ricavi sotto le attese ma a perdite pesanti.
E’ comunque sempre più evidente come la situazione stia velocemente degenerando, in attesa che si trovino le soluzioni a livello economico mondiale.

[via IlSole24Ore]

Dati dell'autore:
Ha scritto 535 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su