Unioncamere: leggera contrazione a Luglio-Agosto e rincari considerevoli dei prezzi

0

I prezzi ”sempre più bollenti” hanno fatto scendere i consumi delle famiglie: per la prima volta dopo diversi anni, le vendite della Grande Distribuzione Organizzata hanno subito una flessione dello 0,3% tra luglio e agosto scorsi rispetto allo stesso periodo del 2007, mentre il costo della spesa è aumentato del 4,8% con punte del 40% per la pasta. E’ quanto emerge dalla rilevazione Vendite Flash 4° Bimestre elaborata da Unioncamere. La contrazione delle vendite si fa sentire di più nel Nord-Ovest (-1%) e nel Mezzogiorno (-0,5%), dove peraltro i prezzi registrano un incremento maggiore che nelle altre regioni e per questo fatturati di iper e supermercati comunque tengono (+4,5%). L’alimentare ha registrato un aumento del costo della spesa del 5,7%. Tra le categorie di prodotti che registrano i maggiori aumenti negli ultimi 12 mesi, come ormai arcinoto, si ritrovano la pasta di semola (+40,1%), gli oli di semi (+37,4%) e i biscotti (7,6%). Altri aumenti rilevanti sono quelli relativi a latte Uht (+10,3%) e mozzarelle (+8,7%). Si contraggono, invece, i prezzi di vendita dei primi piatti pronti (-6,2%), dell’olio di oliva (-2,9%) e del bagno-doccia schiuma (-1,3%).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui