Rodolfi Mansueto, l’azienda emiliana specializzata da oltre 125 anni nella trasformazione del pomodoro, ha messo a segno nel 2023 un fatturato pari a 132 milioni di euro. Si tratta di uno dei risultati migliori degli ultimi quattro anni, con una crescita che si è attestata intorno all’86%, considerato che nel 2019 il fatturato dell’azienda si aggirava attorno ai 70 milioni di euro. Ottime anche le performance nella produzione: nel 2023, infatti, Rodolfi Mansueto ha trasformato oltre 270mila tonnellate di pomodoro fresco, classificandosi fra i 30 maggiori produttori globali con una presenza consolidata in ben 80 Paesi e un export che vede la Germania come principale mercato di destinazione, seguita da USA, Francia e Canada.

Dalla raccolta del pomodoro alla sua trasformazione passano poche ore: complice la breve distanza tra gli stabilimenti produttivi e gli oltre 300 coltivatori, che non supera i 60 chilometri. Questa peculiarità, oltre a garantire elevati standard qualitativi, esprime fra le altre cose l’approccio sostenibile dell’azienda nell’ottica della riduzione dell’impatto ambientale legato al trasporto. Le pratiche sostenibili e l’ambiente sono stati sempre al centro dei valori di Rodolfi Mansueto, dalla riduzione delle emissioni legate ai trasporti e del consumo di acqua all’attenzione verso la biodiversità, fino agli investimenti nel settore delle energie rinnovabili.

L’Ortolina, la passata e la polpa: i prodotti più affermati sul retail

La gamma Ortolina, che ha fatto breccia nel cuore dei consumatori già molti anni fa, resta tra i prodotti di punta dell’azienda. Il celebre tubetto di concentrato di pomodoro nacque da un’intuizione di Rodolfi Mansueto che trasformò una ricetta casalinga del 1936 in un prodotto che oggi è sempre più presente nelle cucine degli italiani. Negli anni ’50, infatti, Ortolina fu tra i primi sughi pronti ad apparire sul mercato, che con lo slogan “l’orto in cucina” invitava ad accostare praticità e genuinità. Pomodoro di prima scelta, verdure fresche e un filo d’olio sono il segreto del successo targato Ortolina, oggi proposta anche con un gusto piccante.

La linea è stata ampliata negli anni con l’inserimento di prodotti e formati differenti, per rispondere a tutte le esigenze di consumo.

La passata classica e quella rustica, la polpa – a pezzi e fine – insieme al Doppio Concentrato completano la gamma Ortolina, che oggi rappresenta il 28% del fatturato totale dell’azienda. La bontà e la genuinità che da sempre contraddistinguono il marchio Ortolina hanno permesso l’allargamento anche a tre referenze pensate per i più piccoli: la linea Ortolina Kids.

Una linea di sughi di pomodoro e verdure biologiche creati ad hoc per abituare al gusto delle verdure i bambini dai 4 anni in su: sughi dolci e vellutati, ricchi del 50% di verdure, senza glutine, conservanti, coloranti e additivi.

Sul retail estero è allo stesso tempo in grande crescita anche il brand Rodolfi, soprattutto sul mercato nordamericano come Usa e Canada.Il doppio concentrato, la passata, i pelati e le specifiche polpe per pizza sono presenti poi anche nelle dispense dei migliori locali del mondo Ho.re.ca. specialmente grazie ai brand Marca Alpino e Ardita.

Inoltre, sono state introdotte negli ultimi anni altre tre linee dedicate al Food Service: sugo di pomodoro con verdure, pomodori semi dry nel formato da un chilo e pizza sauce aromatizzata a marchio Ardita.