lunedì 17 Giugno 2024

Lando, Rossetto e Martinelli: il 2022 dei Category Killer veneti a confronto

I category Killer del Veneto ai raggi X. Le tre imprese si caratterizzano per bassi margini ed alti volumi di vendita a prezzi competitivi. Come si adatta questo modello di business alle tensioni inflattive dello scorso anno. Nell'articolo tutti i dati delle loro prestazioni, sia dell'ultimo anno che nei trend degli ultimi cinque per comprendere a fondo le caratteristiche di questi cinque retailer del nord

Hanno sempre operato sul mercato con margini risicati e grandi volumi di vendita grazie a prezzi alla vendita molto aggressivi. Gli ultimi venti anni di Fratelli Lando, Rossetto Spa e Supermercati Martinelli Srl sono stati vissuti all’insegna della crescita e della patrimonializzazione delle aziende. Hanno resistito alle tempeste della crescita dei discount, di cui sono arcigni antagonisti, hanno superato le crisi economiche e la deflazione, ma non si sono mai scontrate con l’alta inflazione. Il 2022 ha portato ad una crisi di marginalità generalizzata sul mercato, cosa è successo a questi modelli di business del mass market retail?

Per approfondire l’argomento, attraverso l’utilizzo della web app di GDONews “Benchmark On Line” – utilizzabile anche da tutti gli abbonati PREMIUM – abbiamo analizzato i risultati operativi del 2022 dei gruppi Lando, Rossetto e Martinelli, tre aziende molto conosciute in tutta Italia, sebbene abbiano la peculiarità di essere attive in un territorio limitato, il Veneto, e operino solo in poche province. Un’altra loro caratteristica distintiva e condivisa è il ridotto numero di punti vendita rispetto ad aziende che realizzano gli stessi fatturati.

Queste, insieme a Tosano – che oggi non analizzeremo – sono tre dei quattro “category killer” attivi nel Veneto e tra i pochi a livello nazionale. Nonostante operino in territori ristretti e con pochi punti vendita – e di certo non possano essere considerate “grandi” player del mondo retail – producono tutte un fatturato significativo. Va spiegato che i loro punti vendita sono tutti di proprietà, non hanno affiliati né associati, pertanto rappresentano un modello di business che comporta una marginalità commerciale rilevante, tale da sopportare gli ingenti costi fissi.

Vediamo nel dettaglio cosa è successo con il supporto delle tabelle e dei grafici. Come sempre, alla fine dell’articolo, per gli abbonati PREMIUM sarà disponibile un PDF con l’intero report.

L’ARTICOLO COMPLETO, I RELATIVI GRAFICI, IMMAGINI ED ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI. VERIFICA QUALE ABBONAMENTO E’ IL MIGLIORE PER LE TUE ESIGENZE

SEI GIA’ ABBONATO? ACCEDI QUI
.

Ultimi Articoli

Etruria Retail cresce: inaugurato il nuovo Carrefour Market a Villafranca in...

0
Etruria Retail amplia la sua presenza in Lunigiana con un nuovo Carrefour Market che è stato inaugurato oggi, venerdì 14 giugno, in via Nazionale...

Nuovo look per il supermercato Crai della Cooperativa di Consumo di...

0
La Cooperativa di Consumo di Premariacco è lieta di annunciare la conclusione della ristrutturazione del punto vendita Crai, situato in Via Fiore dei Liberi,...

Aldi rafforza la sua presenza in Lombardia con un nuovo punto...

0
Il 13 giugno, ALDI inaugurerà un nuovo punto vendita a Mariano Comense, in provincia di Como, situato in Via Isonzo all'angolo con Via Cardinale...

Conad Nord Ovest apre un nuovo punto vendita a San Sperate...

0
Domani a San Sperate (SU) aprirà le porte il nuovo supermercato Conad di Via Sant'Andrea, progettato per accogliere residenti e turisti con un'ampia selezione...

Conad Adriatico chiude il 2023 con un fatturato di 2 miliardi

0
Nonostante l’anno ancora connotato dalle forti spinte inflattive, la cooperativa ha archiviato il 2023 con risultati positivi, distinguendosi per l’impegno profuso a sostegno del...