Per il Gruppo Mutti +16% di fatturato, l’export vale il 51%. I risultati finanziari 2022

Il Gruppo Mutti, presente con i suoi prodotti in circa 100 Paesi nel mondo, chiude l’anno 2022 con un fatturato complessivo di 563 milioni di euro, registrando una crescita del 16% rispetto al 2021. Un successo accompagnato anche dalla messa a punto di investimenti industriali per 32 milioni di euro, destinati a interventi e attività ulteriormente migliorative degli indici di qualità, efficienza e sicurezza del Gruppo.

“I gravi fattori esogeni – dalla siccità agli aumenti di materie prime ed energia – che hanno caratterizzato il 2022 non hanno intaccato il nostro percorso di crescita. Una crescita sana e senza compromessi che pone sempre al centro ciò che più ci contraddistingue: la qualità – ha dichiarato Francesco Mutti, Amministratore delegato dell’omonima aziendaIl 2022 ci ha messo alla prova mettendo in luce il valore della nostra struttura: solida, dinamica, resiliente e capace di affrontare e superare con successo le avversità. Siamo quindi pronti a far fronte a un 2023 che si prospetta altrettanto complesso e sfidante. Più in generale dovremmo riflettere – a livello Paese e in modo radicale e radicato – su quella che sarà la nostra politica idrica dei prossimi anni. Dobbiamo assolutamente pensare non solo in una logica di presente ma anche per il futuro. Pensare, quindi, alla costruzione di progetti che facciano sì che l’acqua che continua a cadere venga trattenuta e non sprecata. È evidente, da tempo, che l’emergenza idrica sia un tema che non può più essere sottovalutato, soprattutto perché le soluzioni al problema non sono immediate. Occorre mettere questo argomento al centro dell’agenda pubblica e privata, da subito”.

Mutti è leader di mercato in Italia e in Europa. Fatturato e quota di vendite estere superano quelle italiane

La leadership consolidata di Mutti nel mercato dei derivati del pomodoro in Italia e in Europa è testimoniata da una fetta di mercato pari al 33,7% in Italia – la somma delle quote di mercato dei 3 competitor più forti non arriva a coprire la quota di Mutti – e del 15% in Europa.

Rispetto al 2021, particolare importanza assume l’export: per la prima volta, infatti, la quota di fatturato registrata all’estero, pari al 51% ed equivalente a 286 milioni di euro, supera quella ottenuta in Italia, pari al 49% e a 277 milioni di euro.

Anche la quota a volume, che ammonta a un totale di 335 mila tonnellate, segue e consolida il trend vedendo un aumento di tonnellate vendute all’estero, pari a 190,4 mila, rispetto alle 144,6 mila vendute in Italia.

Sono 7 i Paesi in Europa in cui Mutti oggi è leader di mercato: Francia, Svezia, Danimarca, Norvegia, Finlandia, Slovenia e Italia. In Germania, mercato in cui l’azienda ha aperto la sua quinta filiale nel gennaio 2022, si consolida come seconda marca. Fuori dal perimetro europeo, invece, prosegue la crescita in Australia e USA.

L’impatto negativo delle variabili esterne: costo dell’energia elettrica a +147% e costo del gas a +217%

Il 2022 è stato un anno segnato dall’aumento dei costi dell’energia elettrica, del gas e delle materie prime, variabili esterne non controllabili che hanno significativamente e inevitabilmente impattato l’azienda e l’intera filiera, soprattutto se si considera che il picco del costo dell’energia è avvenuto in estate, il periodo dell’anno di massima attività per Mutti in cui avviene la campagna di trasformazione del pomodoro e in cui i macchinari sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Rispetto all’anno precedente, il costo dell’energia è aumentato del 147% e quello del gas del 217%, al netto dei significativi contributi governativi ricevutimentre vetro e latta, materiali utilizzati dall’azienda per il packaging, sono aumentati rispettivamente per oltre il 40% e oltre il 60%. A fronte di ciò, grazie all’impegno costante dell’azienda a scaricare il meno possibile sul consumatore finale i suddetti costi, c’è stato solo un lieve ma necessario aumento dei prezzi a scaffale – pari a poche decine di centesimi di euro – che ha portato inevitabilmente a una penalizzazione a livello di volumi prodotti.

Il calo dell’EBITDA 2022 di Mutti, pari a 44,7 milioni di euro (-7% rispetto al 2021) e della posizione finanziaria netta (PNF), che si attesta a -123 milioni di euro, sono il risultato degli aumenti di costi che l’azienda ha dovuto sostenere nel corso dell’anno.