mercoledì 24 Luglio 2024

GDO: le coordinate di rotta per ammortizzare la vertiginosa inflazione dei prezzi

Evision per Ard Discount, come mantenere la direzione adoperando la leva della Business Intelligence

Che la realtà all’interno della quale ci si muove sia mutata è chiaro a tutti.

Per definire i contorni del fenomeno, si prenda nota di come, a fine primo trimestre 2022, Altroconsumo abbia denunciato un’ascesa dei prezzi a carrello del 40% – per beni di natura alimentare – e di come, per l’autunno, NielsenIQ preveda un’inflazione di 6 punti che gonfierà ancora e ancora i prezzi a scaffale.

Sicché, con spirito resiliente, in uno scenario multi-variato ed ormai imprevedibile, la Grande Distribuzione scarica a terra, ogni giorno, validi itinerari strategici utili a risolvere almeno quattro macro bisogni: monitorare puntualmente il mercato, mantenere un dialogo costante con i fornitori, non alterare il proprio posizionamento d’insegna, preservare la soddisfazione dei clienti.

Da questo punto di vista Evision è in prima linea, a fianco di Retailer e Distributori, i quali si dimostrano sempre più attenti ai dati, al fine di assicurare agli imprenditori non soltanto un costante monitor del day-by-day ma, sfruttando l’occasione per intensificare e non di poco la parte di analitici e previsionale, anche per dare ai nostri clienti validi strumenti determinanti per gestire la propria filiera senza subirla.

Raccogliendo il sentiment dei nostri clienti più fedeli, notiamo come, oggi, i dati e la loro comprensione siano al centro dei processi decisionali e come i retailer, molto più coscienti che in passato, chiedano strumenti di Business Intelligence che siano ottimizzati, almeno, rispetto a velocità e dettaglio di raccolta, accessibilità e facile lettura dei report.

Abbiamo chiesto a Danilo Ronsivalle, Responsabile Ufficio Acquisti di Ergon Consortile – Divisione Discount, quali sono le leve strategiche da innescare per mantenere la barra dritta.

La prima leva con cui si combatte l’inflazione è l’informazione.

Danilo Ronsivalle, Ard Discount, ci tiene a ribadire come sia imprescindibile monitorare il mercato e farlo bene.

“Mai come in questo momento risulta indispensabile utilizzare tool, software, di analisi e sintesi con lo scopo di avere sempre in mano, in maniera chiara e puntuale, riferimenti  esatti che riguardino, almeno: margini macro e micro, a livello di struttura-comparto come di singola categoria e referenza, e conti economici per singolo fornitore.

Una volta maturata una buona conoscenza degli economici e dei trend, continua Ronsivalle, bisogna puntare sulla filiera, lavorando in partnership con i fornitori al fine di creare reciproci vantaggi di mercato.

Serve, in altri termini, dialogo e costante confronto, senza incancrenirsi nelle reciproche posizioni, al fine di combattere e vincere insieme lo sbalzo dei prezzi.

Di conseguenza, riuscire a mantenere il proprio posizionamento, che comunque ha subito già un’alterazione, rimane condizione necessaria per non andare fuori mercato; afferma Danilo Ronsivalle.

Sono due i fronti da tenere sotto controllo: mantenere il proprio margine di struttura invariato e gestire l’ammortamento dell’inflazione operando puntualmente sulle categorie fino alla definizione di singola referenza.

In una battuta, bisognerà necessariamente riuscire a preservare il proprio vantaggio competitivo, sulla scala prezzi, per assicurasi il posizionamento, cercando di non sacrificare l’assortimento.”

“Il nostro format”, fa notare Ronsivalle, “è dichiaratamente un soft discount; format che continua in maniera importante a ottenere quote di mercato sui territori e che, grazie alla sua natura votata alla convenienza, presidierà stabilmente una porzione importante di offerta.”

Dati di mercato alla mano, il discount in Italia è cresciuto, secondo Area Studi Mediobanca, in termini di qdm dal 9,5% – nel 2007 – al 24,7% – nel 2021 – con una previsione del 24,7% a fine 2023.

In Sicilia, il discount ha raggiunto una quota di oltre il 30%.

La ricetta è una, valida e già collaudata: Every Day Low Price.

Quando si opera in regime di convenienza, senza sacrificare la marca, riuscire a muoversi di cesello è fondamentale. Mantenendo questa rotta, si continuerà ad assistere alla migrazione dei clienti da un format mainstream, supermercato tradizionale, al format del soft discount.

“Il discount è a mio avviso il format migliore perché”, ancora Ronsivalle, “sebbene ci siano ancora dei passi da fare, penso al libero servizio – gastronomia, pescheria, salumeria etc… – in cui i discount sono ancora sguarniti, oggi in un discount non manca nulla.”

A conclusione di questa breve riflessione, che certo si presta ad ampi approfondimenti, Danilo Ronsivalle afferma quanto sia importante, per ben decidere e meglio performare,  scegliere la giusta infrastruttura di Business Intelligence, modellata ad hoc in base alle esigenze e ai bisogni reali del business.

Identificare i trend, interni ed esterni, e captare opportuni alert assolve al più esatto compito della Business Intelligence: fornire la chiarezza di informazione utile a poter prendere delle decisioni in maniera immediata, perché i mercati sono sempre più connessi tra di loro ed il tempo di azione e reazione e sempre minore.

Già nelle nuove versioni di CdaPlus, il nostro software B.I. dedicato alla Gdo, i nostri clienti possono gestire i dati e le informazioni ricavate da essi sfruttando un alto livello di immediatezza e semplicità, senza rinunciare alla definizione, puntando ad una comprensione dei report chiara sia per chi decide, il board, che per chi esegue, comprendendo anche l’operatività più esterna di punto vendita e centro logistico.

Fuori da ogni standard, Ronsivalle pone, quindi a buon ragione, l’accento su una B.I. che riesca ad essere immediata, intuitiva e semplice: ogni singolo operatore deve poter utilizzare al meglio, anche fosse a livello di singolo report, le informazioni, uno dei maggiori asset che possiede un’azienda.

Essere partner e fornitori di Ergon Consortile, valorizzando un rapporto consolidato nel tempo, è per noi di Evision un vanto sia perché il Gruppo è un brillante esempio di Impresa sul Territorio sia perché abbiamo la capacità di seguire un’Azienda di riferimento nel proprio settore con risultati in ascesa ogni anno.

 

Evisionwww.evisionsrl.it – è un’azienda leader specializzata in decisional software per  le aziende della Grande Distribuzione Organizzata Food e Non Food.

L’azienda, fondata nel 2001, ha sede in Sicilia, dove vanta la copertura di circa il 70% dei volumi della GDO su scala regionale.

 

Ultimi Articoli

Unicoop Firenze cede i punti vendita romani a PAC 2000A

0
Unicoop Firenze ha annunciato di aver finalizzato un accordo preliminare per vendere i suoi punti vendita a Roma, operanti sotto il marchio Doc*Roma. La...

iN’s Mercato rafforza la sua presenza in Lombardia e Liguria con...

0
Con l'obiettivo di rafforzare la propria presenza nel nord Italia, iN's Mercato, catena discount con sede a Venezia e operante in 12 regioni con...

Unes avanza nel rebranding: nuove ristrutturazioni a Torino, Treviglio e Gavirate

0
La catena di grande distribuzione Unes continua il suo percorso di rebranding, avviato lo scorso novembre, trasformando tutti i suoi negozi sotto la nuova...

Nova Coop apre ad Ivrea un nuovo superstore

0
Da giovedì 18 luglio, la città di Ivrea, in provincia di Torino, accoglierà l'apertura di un nuovo superstore realizzato da Nova Coop. Situato in...

MD arriva a quota 186 negozi in Lombardia con il nuovo...

0
Il primo punto vendita MD a Lissone ha aperto le sue porte con un simbolico taglio del nastro al femminile, eseguito dalla Store Manager....