Granarolo lancia l’e-commerce B2C

0

A distanza di qualche mese dall’avvio del servizio di consegna a casa della spesa a titolo gratuito, che ha registrato molti apprezzamenti nei territori serviti, prima in fase di lockdown e poi durante i mesi di maggio e giugno, Granarolo lancia Spacciogranarolo.it, l’e-commerce italiano del Gruppo, un portale del fresco on line che si ispira a logiche di sostenibilità.

Il portale, diviso in sezioni dedicate, è stato pensato come un’esperienza di acquisto nuova in grado di soddisfare ogni tipo di consumatore. E’ un outlet del fresco on line dove trovare a prezzi convenienti un ampio assortimento di prodotti (500 le referenze presenti), tra cui quelli del portafoglio Granarolo (latte, yogurt, formaggi freschi e stagionati anche DOP, salumi, pasta confezionata all’uovo e di semola e molti altri ancora, a marchio Granarolo, Yomo, Pettinicchio, Podda, Amalattea, Pinzani, Croce di Magara, Gennari e Pastificio Granarolo) e una selezione di altri salumi, prodotti da forno (pane, pizza, piadine e dolci), piatti pronti, insalate, bevande e succhi di frutta, la cui varietà sarà differente secondo la stagionalità.

Le sezioni del portale supportano la ricerca. L’assortimento completo è disponibile, suddiviso per categorie merceologiche, nella sezione Giusto Assortimento. La convenienza legata alle promozioni e ai nuovi lanci si trova nella sezione Giusto prezzo, la convenienza legata al formato, commisurato ai bisogni di piccoli e grandi nuclei familiari nella sezione Giusto Formato, la convenienza legata alla data di scadenza  nella sezione Giusto in tempo. Si possono scegliere deliziosi formaggi di vacca, capra e pecora e salumi della migliore tradizione italiana, cui si affiancano i panificati con e senza glutine e le piadine emiliane nella sezione Giusto per sfizio.  La navigazione può essere guidata anche dalle diverse occasioni di consumo quali aperitivi, cene gourmet, colazioni ispirate al benessere e alla linea, colazioni veg, pranzi e cene veloci o improvvisate (sezione Giusta occasione).

Ai prodotti e ai marchi del mondo Granarolo si affiancano prodotti di piccoli produttori locali e altri marchi del settore del largo consumo con un assortimento in continua evoluzione, il sito sarà infatti aggiornato settimanalmente con nuove referenze e nuove offerte.

I territori raggiunti dal B2C Granarolo sono quelli del Nord Italia (501 i comuni serviti). L’inserimento del CAP consentirà ad ogni consumatore di verificare la copertura del servizio, effettuato direttamente dalle flotte Granarolo (200 mezzi a disposizione) che servono il mercato del consumo fuori casa. Le consegne avverranno a partire dalle 48 ore successive all’ordine e nel giorno richiesto dal consumatore. Il servizio di consegna sarà gratuito per ordini superiori ai 30 Euro o al costo di 4,90 Euro sotto i 30 Euro di spesa.  Il pagamento potrà avvenire on line attraverso qualsiasi carta di credito. Ad ogni ordine sarà possibile cambiare il luogo di consegna così da poter essere seguiti dal servizio anche in vacanza o da poter effettuare un regalo anche a distanza.

“Il progetto Spacciogranarolo.it rappresenta una evoluzione del nostro impegno in termini di sostenibilità e lotta allo spreco alimentare”, ha commentato il Presidente di Granarolo Gianpiero Calzolari.  “Il Gruppo Granarolo, a partire dal 2015, ha aperto i primi punti vendita del fresco, spacci aziendali con offerte last minute, presso gli stabilimenti Granarolo di Bologna, Gioia del Colle (BA) e Castelfranco Emilia (MO). A marzo 2020 è arrivata la pandemia ed il primo effetto di mercato registrato è stato un boom dell’e-commerce. Secondo GfK è ammontata al 58% la quota dei nuovi fruitori del servizio di spesa online nel periodo del lockdown.  Ed è interessante rilevare come la crescita dell’e-commerce abbia coinvolto in maniera strutturale il settore Food&Grocery: secondo l’Osservatorio e-commerce B2C infatti, nel 2020 gli acquisti online dei consumatori italiani avranno una crescita del 55% rispetto al 2019. All’interno del comparto, la componente più rilevante (pari all’87% del comparto) è rappresentata dall’alimentare, in larga parte composto dal segmento dal Grocery (con un andamento pari al +85% rispetto al 2019) e a seguire il Food Delivery (+19%) e l’Enogastronomia (+63%). Con queste premesse accelerare la declinazione on line dei nostri spacci è sembrato naturale e il servizio messo a disposizione della comunità in tempi da record in fase di lockdown ha consolidato e accelerato le nostre intenzioni. Questo progetto si inserisce perfettamente all’interno di un percorso multicanale di digitalizzazione del Gruppo che oggi ci vede impegnati lungo ogni anello della filiera, Farm to fork, come recita la strategia del Green Deal a cui ci ispiriamo, in Italia e all’estero (l’e-commerce è infatti partito contestualmente anche in Inghilterra e Brasile).

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui