GDO News
Nessun commento

Carrefour chiude il primo semestre 2019 a +3,5%. Ecco tutti i dati a livello internazionale

Carrefour ha comunicato i dati di chiusura del primo semestre 2019: a rete costante le vendite lorde del primo semestre sono cresciute del + 3,5%, dato che aggiustato dell’effetto sfavorevole dei cambi (-3,3%) consolida una variazione totale delle vendite ai tassi di cambio correnti dell'1,2%.

Il margine lordo si attesta al 22% delle vendite nette. Gli investimenti sui prezzi hanno pesato sul margine lordo, mentre il miglioramento dei margini di acquisto, i minori costi logistici e le migliori prestazioni dei servizi finanziari ne hanno consentito la stabilizzazione.

I costi di distribuzione hanno rappresentato il 18,4% delle vendite nette. Hanno beneficiato del piano di riduzione dei costi e hanno incluso i costi relativi ai nuovi negozi e ai nuovi servizi alla clientela, in particolare nel digitale.

L'EBITDA di gruppo ha raggiunto € 1.311 milioni, ovvero un margine stabile del 3,8%.

Il risultato operativo ricorrente del Gruppo (ROI) è stato pari a 618 milioni di euro, in aumento di 27 milioni di euro (+ 4,5%) a cambi costanti (l'effetto valutario è negativo - 11 milioni di euro, in particolare a causa del deprezzamento del real brasiliano). Il margine operativo è leggermente aumentato di + 6 punti base all'1,8%.

Nel primo semestre del 2019 i proventi non ricorrenti sono stati pari a € 593 milioni. Il dato riflette in particolare i costi relativi ai piani di riorganizzazione nei vari paesi per un importo di 342 milioni di euro, oltre a 194 milioni di euro di altre voci non correnti principalmente relativi a fondi per contenziosi fiscali in Brasile.

L'utile netto del Gruppo ammonta a € 399 milioni nel primo semestre e comprende le seguenti voci:

Oneri finanziari netti per € 129 milioni, in miglioramento di € 18 milioni a seguito di operazioni di rifinanziamento effettuate a condizioni più favorevoli. Imposte sul reddito per € 193 milioni contro € 173 milioni dell'anno scorso. Questa spesa fiscale riflette un'aliquota fiscale normalizzata del 33,4% (contro il 34,4% nel primo semestre 2018), esclusi i proventi non ricorrenti e le imposte non valutate sul risultato ante imposte. Proventi netti da attività operative cessate pari a € 26 milioni, inclusa principalmente la Cina.

Utile netto del Gruppo è migliorato di € 44 milioni arrivando a € 179 milioni rispetto a € 135 milioni nel primo semestre 2018.

Alexandre Bompard, Presidente e Amministratore Delegato, ha dichiarato: "Carrefour sta mostrando un netto miglioramento delle prestazioni, i risultati semestrali sono in crescita. Questo forte slancio è accompagnato da un'intensificazione del nostro piano di trasformazione. Stiamo moltiplicando iniziative concrete per servire meglio i nostri clienti: stiamo investendo nei prezzi per supportare il loro potere d'acquisto, stiamo offrendo loro una gamma più ampia di servizi e formati più innovativi. Per sottolineare il nostro impegno a garantire a tutti l'accesso a una dieta sana, abbiamo fatto della “transizione alimentare per tutti” la nostra ragion d'essere".

AREE

Francia: crescita dei ricavi operativi ricorrenti

In un mercato che rimane molto competitivo, le vendite in Francia nel primo semestre sono aumentate dello 0,8% a rete costante rispetto al primo semestre 2018. L'andamento del secondo trimestre (+ 0,7% LFL) è stato sostanzialmente in linea con il primo trimestre (+ 1,0% LFL). Le prestazioni dell’alimentare (+ 1,9% LFL nel secondo trimestre) sono state soddisfacenti, mentre quelle del non alimentare hanno continuato a soffrire (-7,1% LFL nel secondo trimestre).

Gli investimenti sui prezzi sono proseguiti in tutti i formati e canali. Dopo i programmi Rewards di febbraio, Carrefour ha lanciato la campagna "Prezzi imbattibili" su 10 referenze di frutta e verdura in aprile, un'iniziativa estesa in giugno a 500 prodotti FMCG di punta. La dinamica di crescita dei formati biologici, e-commerce e di convenienza è rimasta forte. Sono proseguite le riduzioni e le riallocazioni delle aree di vendita non produttive degli ipermercati, in linea con il piano.

Il risultato operativo ricorrente ci Carrefour Francia nel primo semestre 2019 è stato di 116 milioni di euro, in aumento di 6 milioni di euro (+ 5,3%), dopo tre anni di deterioramento. Questo miglioramento del ROI riflette:

Momento di riduzione dei costi e trasformazione organizzativa. Investimenti nella competitività dei prezzi e nell'attrattività dell'offerta, dei servizi e del digitale di Carrefour.

 

Europa esclusa la Francia: intensificazione del piano di trasformazione

In Europa esclusa la Francia, le vendite sono diminuite del -0,7% a rete costante nel primo semestre 2019, riflettendo un miglioramento sequenziale delle tendenze nel secondo trimestre (LFL stabile nel secondo trimestre contro -1,5% nel primo trimestre) nella maggior parte dei paesi.

Nel secondo trimestre del 2019, la performance è rimasta mista tra Europa occidentale (Spagna, Italia, Belgio) ed Europa orientale (Polonia e Romania):

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su