GDO News
Nessun commento

Coop Alleanza, accordo sui 507 esuberi con incentivo

Sviluppi nella vertenza che coinvolge gli impiegati delle sedi di Coop Alleanza 3.0. I sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno siglato con la direzione aziendale della più grande cooperativa di consumatori d’Europa l’accordo nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo avviata per 507 unità del personale di sede e dei profili impiegatizi di Castenaso, Modena, Reggio Emilia, Ravenna, Mirano e Pordenone e attivi nella rete di vendita in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Puglia, Basilicata, Campania e Sicilia.

L’intesa contempla il criterio della non opposizione al licenziamento con un incentivo all’esodo di 40.000 euro per i quarti livelli full time – da riparametrare per gli altri livelli e da riproporzionare per i part-rime – e la ricollocazione presso altri negozi della rete commerciale entro i 30 chilometri dal domicilio di ciascun lavoratore.

Qualora il trasferimento andasse oltre tale soglia il lavoratore potrà richiedere di accedere all’incentivo all’esodo. In caso di attribuzione a mansioni inferiori dei lavoratori in esubero, che non avessero precedentemente aderito al piano di incentivazione, l’azienda, previo confronto territoriale con i sindacati, si è impegnata a destinare il lavoratore alle mansioni del livello di appartenenza.

[via gazzettadireggio]

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su