GDO News
Nessun commento

USA: Kohl’s ospiterà al suo interno 10 negozi Aldi

Kohl’s è una catena di negozi di abbigliamento molto popolare negli Stati Uniti con oltre 1.100 punti vendita che giovedì ha comunicato il maggiore incremento di vendite dal 2001, e sarà protagonista di un interessante esperimento. Nei prossimi mesi ha in programma di liberare spazio in una decina negozi dei quali sta riducendo le dimensioni ed ospitare altrettanti punti vendita del discounter tedesco Aldi. Kohl’s in effetti ha ridotto, senza chiuderli, centinaia di negozi negli ultimi mesi per renderli più facili da gestire e mantenere, dichiarando di affiancare partner per occupare lo spazio liberato. (Macy’s e Sears hanno fatto mosse simili ma su scala molto più modesta.)

Per Aldi, che si trova di fronte alla nuova concorrenza di Lidl arrivato sulle coste americane lo scorso anno con passo aggressivo, questa partnership con Kohl’s consentirà di sviluppare ulteriormente la sua rete . Per quanto riguarda Kohl’s, avere un negozio di alimentari molto competitivo nelle proprie strutture (i negozi saranno separati e i clienti non noteranno realmente che condividono la stessa struttura), è probabile che porti nuovi afflussi e potenzialmente lo aiuti a diversificare la sua clientela. In particolare, i negozi Aldi potrebbero aiutare Kohl a sottrarre alcune attività da Target, che sta lavorando per rinnovare la propria attività alimentare e con la quale Kohl condivide molti centri commerciali.

L’amministratore delegato di Kohl, Kevin Mansell, ha detto a Fortune l’anno scorso che i negozi oggi possono essere più piccoli “perché la tecnologia ci consente di essere piccoli”. La società ha investito miliardi in tecnologia ed e-commerce (nel quarto trimestre le vendite digitali sono aumentate del 25%) e ridotto i magazzini grazie alla pianificazione e di conseguenza ha bisogno di meno spazio. Ciò ha permesso a Kohl’s di adattare meglio l’assortimento di un determinato negozio al mercato locale, rendendo i negozi più gestibili e più accattivanti. Sono finiti i tempi in cui un negozio doveva immagazzinare tutto ciò che un rivenditore vendeva.

L’esperimento Aldi è solo l’ultimo modo in cui Kohl sta ripensando a come usa lo spazio del negozio. In autunno, ha iniziato un test in alcune dozzine di negozi per offrire spazio a Amazon.com per vendere i suoi prodotti tecnologici e gestire le consegne. La mossa di Kohl ha sollevato molte sopracciglia, ma Mansell ha ripetutamente affermato che priorità principale per Kohl è di avere più acquirenti nei negozi, anche se questo significa fare partnership non convenzionali.

Tagged with: ,

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su