venerdì 21 Giugno 2024

Expo 2015: l’imbarazzo d’Italia

expoLe vicende che stanno affliggendo l’evento che avrebbe potuto essere l’aspettato traino all’industria italiana verso un aumento delle vendite (a noi interessa il campo alimentare) sono vergognose e preoccupanti. E’ dal 2008 che Milano, la città che apre le porte all’Europa, è alle prese con l’organizzazione della Fiera dell’Expo 2015 e ciò che si legge sui giornali negli ultimi tempi, ma non solo negli ultimi, confermano che la completa sfiducia del cittadino-consumatore-lavoratore verso le istituzioni trova tutte le sue giustificazioni.

Il nostro Paese ha sempre basato la sua economia prevalentemente sulla piccola e media impresa. La crisi degli ultimi anni del mercato interno avrebbe dovuto generare incrementi nelle politiche di esportazione tali da recuperare una buona parte del fatturato perduta negli affari di casa nostra. Attenzione: i numeri dell’export sono in positivo, ma sono numeri che non giustificano le perdite interne. Da più di venti anni il mondo è cambiato: senza analizzare la crescita dei Paesi un tempo poveri ma giganti (Cina e India su tutti) sono cambiati i metodi relazionali nel mondo: internet, i social network, i voli low cost, le normative alle procedure di esportazione e l’Unione Europa, venti anni sono stati capaci di cambiare molti decenni di abitudini. L’Italia, meno di altri Paesi, ha saputo approfittare di questi cambi. L’italiano non parla bene l’inglese, non è un dettaglio da poco, e seppure partecipando a Fiere nel mondo, le aziende fanno fatica a seguire quei mercati con la dovuta concentrazione. Le capacità produttive e soprattutto logistiche sono limitate e ci limitano anche in termini di competitività con i Paesi più organizzati in termini infrastrutturali. Insomma, abbiamo cambiato il nostro Paese molto meno di quanto non è cambiato il mondo ed anche meno di quanto non hanno fatto Paesi più organizzati. L’Expo arrivava in questo momento, avrebbe dovuto essere un evento capace di dare una scossa al mercato italiano. Le qualità produttive di cui siamo portatori sono indubbie però non le sappiamo vendere. L’Expo sarebbe stata l’occasione giusta. Alla Fiera del Cibus si è parlato molto dell’Expo e dell’opportunità che l’industria alimentare italiana ha per esprimere al mondo la sua qualità. A dire il vero è anche emerso che i costi per partecipare a tale evento sono impossibili: per capirci la partecipazione con uno spazio adeguato a tutto il periodo fieristico si aggirano a valori superiori ai 5 milioni di euro. Comprendete? La Piccola e Media impresa (PMI) avrebbe dovuto pagare in questi periodi milioni di euro per partecipare all’Expo. La verità è, invece, che non vi partecipano nemmeno le multinazionali!

Perché costi così esagerati? Che cosa bisogna mantenere? Abbiamo risposte?

Peccato, probabilmente abbiamo perso un’altra opportunità. Accontentiamoci di vedere dei bellissimi cantieri ancora aperti nel momento dell’evento per dimostrare ancora una volta che l’Italia non c’è. Non urliamo, quindi, che l’Europa è cattiva con noi; forse siamo noi incapaci.

Dott. Andrea Meneghini
Dott. Andrea Meneghinihttps://www.gdonews.it
Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare. E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei diversi format in Italia ed in Europa. Collabora con alcuni Gruppi della GDO italiana nelle aree di crisis communication management e news management. Affianca la Direzione Generale di alcuni Gruppi della GDO nella gestione delle strategie aziendali. Collabora anche con aziende del Mass Market Retail all'estero come assistant manager sull'italian food. Si può contattare scrivendo a meneghini@gdonews.it

1 commento

  1. Dott. Meneghini, quanto ha ragione!!
    I capaci sono una minoranza che non può garantire al paese i risultati che meriterebbe.
    Sono degli “eroi” senza i quali saremmo al black out totale, ma questo è certamente un sistema che non può funzionare e ora che a competere non ci sono solo gli USA e l’Europa post-bellica, soffriamo senza apparente via di uscita.
    Dovremmo ripartire proprio riconsiderando il valore “capacità” … ma tra il dire e il fare ….

    Cordialità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Despar Centro-Sud riammoderna la rete e va a quota 30 punti...

0
Sostenibilità, modernità e nuovi servizi. Sono i paradigmi con i quali Despar Centro-Sud presenta al pubblico il rinnovato Interspar di Policoro (Matera), all’interno del quale è appena terminato un importante progetto...

Pam Local apre un nuovo punto vendita a Roma

0
La storica insegna della grande distribuzione ha inaugurato il 36esimo Pam local della città in via Enrico Fermi, 29. Continua l’importante espansione di Pam Panorama...

Claire Caulliez è il nuovo nome di Nestlé per l’Head of...

0
Il Gruppo Nestlé in Italia ha scelto Claire Caulliez come nuova NIM (Nestlé in the Market) Head of Finance & Control Italia e Malta...

Conad Centro Nord chiude il 2023 con oltre 2 miliardi di...

0
Secondo l'Assemblea di Bilancio dei Soci della cooperativa, il fatturato della rete di vendita di Conad Centro Nord ha raggiunto i 2.086 milioni di...

CIA Conad apre il nuovo Pet Store Conad di Verucchio (RN)

0
Trecentosessanta metri quadri tutti dedicati agli amici animali: è questa la novità che attende i frequentatori del centro commerciale Valmarecchia di Verucchio, in provincia...