sabato 25 Maggio 2024

Rapporto Istat Italia

Diamo adesso una lettura più ampia del rapporto Istat appena pubblicato per avere un quadro della situazione un pò più a largo respiro e per capire un in profondità quali sono le logiche che hanno spinto i consumatori al cauto ottimismo nei consumi. Nel terzo trimestre del 2006 il prodotto interno lordo corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell’1,7% nei confronti del terzo trimestre del 2005. Isat precisa però che il terzo trimestre del 2006 ha avuto tre giornate lavorative in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al terzo trimestre del 2005.
Quanto agli altri paesi industrializzati nel terzo trimestre del 2006, il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,7% nel Regno Unito, dello 0,6% in Germania, dello 0,5% in Giappone e negli Stati Uniti ed è rimasto stazionario in Francia. In termini tendenziali, si è registrata una crescita del 3,0% negli Stati Uniti, del 2,8% in Germania, del 2,7% in Giappone e nel Regno Unito e dell’1,8% in Francia. Nel complesso, i paesi dell’area Euro sono cresciuti dello 0,5% in termini congiunturali e del 2,7% in termini tendenziali.
Nell’ambito dei consumi finali, la spesa delle famiglie residenti è aumentata dello 0,6%, quella della pubblica amministrazione e delle istituzioni sociali private è diminuita dello 0,2%. La diminuzione degli investimenti è stata determinata da una contrazione dell’11,7% degli acquisti di mezzi di trasporto e dello 0,7% degli investimenti in macchine, attrezzature e prodotti vari, mentre gli investimenti in costruzioni hanno registrato un aumento congiunturale dello 0,2%.
In termini tendenziali, le esportazioni sono aumentate del 3,2% e le importazioni del 5,4%. La spesa delle famiglie residenti e quella della pubblica amministrazione sono cresciute rispettivamente dell’1,9% e dello 0,1%. La spesa delle famiglie sul territorio nazionale è cresciuta, in termini tendenziali, del 2,0%. Nel suo ambito, i consumi di beni semidurevoli risultano la componente più dinamica (più 8,9%), i consumi di servizi sono aumentati del 3,2%, gli acquisti di beni non durevoli sono diminuiti dell’1,0% e quelli di beni durevoli del 2,5%. Gli investimenti fissi lordi hanno segnato nel complesso un incremento dello 0,4%.

Dott.ssa C. Grillo
Dott.ssa C. Grillo
Di formazione giornalistica, esperta in comunicazioni di massa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

CIA-Conad: quattro nuovi ingressi nel consiglio di amministrazione, confermati gli organi...

0
L’assemblea dei soci di Commercianti Indipendenti Associati ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione della cooperativa. Il precedente era in carica dal 2021. Sedici in...

Supercentro: un nuovo capitolo della sua crescita con il rinnovo del...

0
Il Gruppo Supercentro, operante da oltre vent'anni nella distribuzione alimentare in Sud Italia, ha inaugurato oggi il rinnovato punto vendita Ipersisa di Grottaglie, situato...

Milano è sempre più “Local”, inaugurato il nuovo punto vendita Pam

0
Inaugurato un nuovo punto vendita Pam Local in via Cesare Correnti, 6 a pochi giorni dalle recenti aperture Local nel capoluogo lombardo. Con questa...

Apulia Distribuzione svela la nuova insegna Rossotono: al via la campagna...

0
On Air dal 23 maggio per tutto l’anno lo spot da 25 secondi sulle maggiori emittenti radio e TV del Mezzogiorno. A supporto Social,...

Esselunga apre il suo primo punto vendita di Ravenna

0
Esselunga apre oggi il suo primo negozio di Ravenna in via Antica Milizia, nella zona sud-est della città. Il supermercato occupa una superficie di vendita...