Domani si decide il valore di Esselunga per la cessione delle quote

0

A distanza di 14 mesi dalla decisione di Marina Caprotti di ricomprare le quote dei fratelli, esercitando il suo diritto di prelazione, domani dovrebbe avere termine la disputa per l’assegnazione del valore dell’azienda. Le parti in causa, sin dal primo momento, non si erano trovare d’accordo sulla valutazione, e secondo il quotidiano La Repubblica anche gli stessi arbitri non erano riusciti a trovare un comune punto d’incontro.

Di conseguenza la decisione viene affidata al Presidente del Lodo Enrico Laghi.

La distanza tra le parti è piuttosto consistente, infatti la parte acquirente sostiene che il valore dell’azienda, al netto dell’indebitamento, è pari a 3,5 miliardi di euro. La parte cedente, invece, sostiene che il suo valore è pari a 7 miliardi.

La distanza tra le parti è tale da far ritenere che qualsiasi decisione presa dall’arbitrato verrà successivamente impugnata dalla parte soccombente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui