GDO News
Nessun commento

Come fidelizzare il cliente partendo dal carrello della spesa

Nato a Trento nel 1978, sposato con Barbara, due figli Ginevra 3 anni e Tommaso 8 mesi, Michele Fontana è laureato in Architettura Università di Venezia.
Alla guida dell’azienda Bertoldi Aldo da sette anni, dopo aver collaborato in diversi studi di architettura e avuto varie esperienze formative all’estero, ha iniziato a lavorare nell’azienda di famiglia nel 2007 prima come addetto alle vendite, affiancando il nonno, fondatore anche della prima catena distributiva trentina OR.VE.A, ed il padre, responsabile commerciale.
Con la scomparsa di Aldo Bertoldi, nel 2011, Michele Fontana diventa amministratore Unico dell’azienda, oltre ad essere procuratore della Caddie Hotel srl e di Hoelity srl, aziende che operano entrambe nel settore hotellerie, e consigliere della società Thinkinside che sviluppa sistemi informativi a supporto della gestione del carrello della spesa.

Come l’azienda è diventata leader nel mondo dei carrelli? E come sta mantenendo questa posizione nel mercato?
L’intuito di Aldo Bertoldi ha sempre contraddistinto la società nel ricercare a livello mondiale prodotti innovativi nel campo della GDO. Se da un lato è distributore esclusivo per l’Italia del marchio CADDIE da oltre 50 anni, azienda prima al mondo nella produzione del carrello per la spesa che negli anni ha implementato i suoi prodotti oltre che nella GDO negli aeroporti, garden e ospedali, dall’altro ha sempre cercato di investire nell’innovazione che oggi si chiama Thinkinside, la tecnologia legata al carrello spesa.

Michele Fontana, Amministratore Unico Bertoldi Aldo

Come sta guidando la trasformazione e l’evoluzione dell’azienda, in particolare verso le nuove tecnologie?
La nostra azienda è in continua evoluzione per stare al passo con le esigenze del mercato.
Viaggio molto in giro per il mondo, specialmente in America, per conoscere le novità delle catene distributive e dove abbiamo contatti con importanti studi di ricerca sempre nel comparto distributivo.
Un esempio innovativo è il sistema Gatekeeper per il controllo dei parchi carrelli, sistema che in America è utilizzato in gran parte delle realtà distributive mentre in Europa solo poche catene hanno compreso il reale vantaggio che porta il suo utilizzo.

Quali sono le sfide che l’azienda è chiamata ad affrontare negli ultimi anni? Quali sono le strategie?
La globalizzazione dei mercati sicuramente è una sfida importante come i nuovi sistemi di acquisto da parte dei clienti, come l’e-commerce. Ora le catene distributive sono alla ricerca di nuovi sistemi per fidelizzare i propri clienti, comprenderne le esigenze e studiarne le abitudini. In questa ottica stiamo sviluppando i sistemi di controllo e rilevazione di Thinkinside, nonché ampliamento della gamma di prodotti da proporre sul mercato nazionale.

Come vede il futuro del mondo dei carrelli e di Bertoldi Aldo?
Sicuramente il carrello resterà un simbolo del nostro tempo. I nuovi canali della distribuzione porteranno ad una riduzione del suo utilizzo e una sua evoluzione per adattarsi alle nuove esigenze, anche rispetto ai materiali con cui vengono costruiti. Ora, ad esempio, la plastica è un componente molto utilizzato per personalizzare i propri carrelli e renderli compatibili con i sistemi di controllo RFID.

Quali i nuovi mercati? Sia in termini geografici sia come categorie?
Come Bertoldi Aldo operiamo sul territorio nazionale ed attualmente ci troviamo in una fase di cambio per quanto riguarda le superfici dei negozi. Dopo il periodo storico delle grandi superfici degli ipermercati si sta ritornando al negozio di prossimità di medie metrature. Con l’avvento in Italia delle più importanti catene tedesche si riscontra un fortissimo aumento delle aperture di negozi discount dove anche il carrello è studiato per questa tipologia di acquisto. Altro settore in cui si riscontra un buon incremento delle aperture sono i Garden e i negozi specializzati prodotti di pulizia o Pet.

Come si colloca Bertoldi nel mercato nazionale? Sia rispetto ai carrelli per la GDO che per gli aeroporti o altri utilizzi. E a livello internazionale?
In 50 anni sul mercato si sono presentate numerose aziende che proponevano attrezzature per la GDO e gran parte di queste per vari motivi sono scomparse. La qualità dei prodotti offerti ci ha permesso di rimanere un riferimento per tutti i produttori di articoli in filo e per la carrellistica per la GDO in generale. Il settore aeroportuale in Italia, invece, sta soffrendo in maniera pesante sul fronte degli investimenti a differenza delle realtà estere in particolare paesi orientali.

 

BERTOLDI ALDO SRL
Piazza Silvio Pellico, 5
38122 – Trento
0461. 231052
info@bertoldialdosrl.it

 

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su