GDO News
Nessun commento

E-grocery: i nuovi lockers refrigerati per vendere negli uffici e nei complessi residenziali

L’e-grocery cresce a ritmo sostenuto, con tassi 4 volte superiori al commercio tradizionale. Ma i modelli di last mile logistics con cui ha esordito, essenzialmente il click&collect e la home delivery, non sono compatibili con le nuove opportunità di business in un mondo che sta cambiando, guidato da intense dinamiche di addensamento dei consumatori in strutture smart come i coworking, i business parks o i distretti residenziali.
Penguin Lockers è un’azienda che fornisce lockers refrigerati e soluzioni software disegnati per gestire la last mile logistics dell’e-grocery in questo nuovo scenario.

Nonostante i tassi di crescita sostenuti, nella sua sua fase iniziale l’e-grocery ha dovuto far fronte ad una domanda ancora piuttosto rarefatta, con pochi utenti per chilometro quadrato.

I modelli che sono risultati profittevoli in questa prima fase sono stati:

  • Click&collect con stazioni di ritiro (lockers o drive-in) installate in prossimità dei supermercati;
  • Home delivery in aree urbane ad alta densità, con ritiro in presenza del consumatore ad orari concordati (si parla di “attended delivery”).

 

I limiti del click&collect e della home delivery

Ma secondo Luca Giorcelli, partner di Penguin Lockers, questi modelli devono essere superati poiché non del tutto soddisfacenti per il consumatore o non applicabili in maniera estesa sul territorio”. Di seguito i loro punti deboli:

  • Click&collect: il consumatore sopporta i costi della last mile logistics, dovendo muoversi appositamente o deviare dai suoi percorsi abituali per ritirare la spesa.
  • Home delivery: il consumatore deve essere obbligatoriamente presente a casa per ricevere la spesa. Inoltre, questo tipo di servizio è profittevole solo nelle aree ad elevata densità di popolazione dove è presente un massa critica di e-consumatori tale da contenere i costi di trasporto, massimizzando il numero di consegne/chilometro. Un obiettivo non sempre raggiungibile, come dimostra la decisione di Amazon Fresh a fine 2017 di sospendere il servizio in diverse città americane.

Inoltre, al di là dei limiti intrinseci esposti sopra, questi due modelli non sono la risposta aggiornata ai nuovi modelli abitativi e lavorativi, guidati da fenomeni di progressiva concentrazione in comunità smart dei potenziali consumatori:

  • Le aziende trasferiscono le loro sedi nei business parks, in cui lavorano migliaia di impiegati.
  • Le città convertono le ex aree industriali in vasti distretti residenziali (vedi ad es. City Life a Milano).
  • I professionisti si radunano a lavorare nei coworking, i più grandi dei quali contano migliaia di membri.
  • Nell’hinterland nascono nuovi centri abitativi in cui le famiglie scelgono di abitare per evitare il caro casa delle città.
  • La rete raggiunge i piccoli centri isolati, trasformandoli in potenziali comunità di acquisto online.

Il modello di e-grocery business supportato dai prodotti di Penguin Lockers punta alle comunità smart e si può riassumere con lo slogan:

Operatori GDO, convertite le comunità smart in frequent buyers!

Per farlo occorrono strumenti hardware e software dedicati, capaci di rispondere ai requisiti dei nuovi interlocutori, tipicamente property managers, responsabili HR, amministratori locali e operatori ICT.

 

Lockers refrigerati disegnati per il nuovo modello di business

Il design dei Penguin Lockers è studiato apposta per fare e-grocery presso le comunità smart.Di seguito le caratteristiche distintive:

Scalabilità delle stazioni di ritiro, con possibilità di partire con un investimento iniziale ridotto (anche solo 8 lockers) per poi estendere il numero di lockers (fino a centinaia). I Penguin Lockers sono completamente modulari, basta aggiungere una nuova colonna per estendere la stazione di ritiro, un’operazione rapida che non richiede cablaggio perché i moduli parlano tra loro via WiFi.

Dimensioni contenute, adatte ad una installazione indoor, come ad esempio nella reception di un’azienda oppure all’entrata di un condominio. A parità di capacità di carico, i Penguin Lockers occupano il 60% dello spazio rispetto ad una stazione click&collect tradizionale. La profondità è inferiore ai 60 cm, come quella di un elettrodomestico casalingo.

Flessibilità di composizione, con possibilità di frazionare l’installazione in più parti, es. su due pareti diverse di una stessa stanza. Con i Penguin Lockers si può fare, perché sono connessi tra loro via WiFi, basta solo una presa di corrente.

Design per indoor, con forme e materiali specifici. Di fatto, i Penguin Lockers assomigliano ad un mobile di buona finitura, dalle linee minimali, con ante in HPL e parti metalliche in acciaio inox. E’ possibile personalizzare l’aspetto estetico con materiali, colori e finiture a richiesta del cliente.

Zero rumorosità, requisito importante se l’installazione avviene in un locale cui le persone lavorano, come ad esempio nei coworking. Per questi tipo di installazioni è possibile azzerare la rumorosità, posizionando il modulo refrigerante all’esterno dei locali dove sono collocati i lockers.

Temperature distinte per locker, per ottimizzarne l’allocazione e servire più consumatori a parità di numero di lockers. Nelle stazioni Penguin Lockers, può essere impostata la temperatura di lavoro di ogni singolo locker in funzione della spesa per la quale è stato riservato, che sia di prodotti freschi a 2°C, ortofrutta a 8°C o generi alimentari come pane e olio d’oliva, a 18°C. Penguin Lockers è, al momento, l’unico operatore sul mercato che offre la temperatura differenziata per singolo locker.

Consumi di energia ridotti, conformi alle normative per l’impiantistica residenziale. I Penguin Lockers consumano solo per i lockers in uso. Non è necessario raffreddare un’intera colonna per raffreddare un solo locker.

Uptime elevato, con rischio di interruzione totale del servizio estremamente ridotto. Infatti, grazie alle soluzioni progettuali adottate, in caso di malfunzionamento di un componente, il disservizio viene limitato al singolo locker, il quale viene automaticamente escluso dalle assegnazioni fino al momento in cui non viene risolto il problema, senza compromettere il funzionamento degli altri lockers.

Diagnostica a distanza, attraverso l’impiego di sensoristica dedicata e soluzioni di monitoraggio e controllo remoti, progettati per la gestione di network diffusi sul territorio. In chiave Impresa 4.0, Penguin Lockers è in grado di offrire servizi di diagnostica, analisi e manutenzione predittiva allo scopo di prevenire i problemi e aumentare l’efficacia degli interventi.

Installazione rapida e non invasiva, per non interrompere le attività che si svolgono nella location, tipicamente uffici o complessi residenziali. I Penguin Lockers vengono consegnati in piccoli colli (un pacco per locker), possono essere trasportati su un normale ascensore (non serve un montacarichi) e vengono assemblati rapidamente. Una stazione di medie dimensioni richiede mediamente 4-6 ore di tempo per essere assemblata.

Integrazione semplificata con le piattaforme logistiche e di e-commerce del vendor attraverso un’interfaccia software (cosiddetta API) completa, sicura e basata sulle più recenti tecnologie di scambio dati.

 

Clienti tipo di Penguin Lockers

Consorzi di produttori, che vogliono aprire canali di distribuzione diretta. Penguin Lockers lavora ad esempio per un consorzio del centro Italia, che produce prodotti freschi e distribuisce su Roma, direttamente nelle aziende.

Aziende produttrici di prodotti di alta gamma, che si rivolgono a consumatori fidelizzati e connessi, le quali vogliono sviluppare flagship network di distribuzione in tempi brevi. Penguin Lockers lavora ad esempio per un’azienda londinese che distribuisce pasticceria di alta qualità, ritirabile in centinaia di micro-stazioni di soli 3 lockers, disseminate nei quartieri strategici della città.

Property managers che, fra i servizi ad alto valore aggiunto per i propri clienti, offrono la consegna di pasti pronti e della spesa attraverso i lockers.

Catene di hotel e ostelli che usano le nostre soluzioni per offrire ai propri ospiti lockers riservati, in prossimità delle cucine condivise. Penguin Lockers lavora ad esempio con un’importante catena di hotel olandese che offre residenze nelle principali capitali europee.

Penguin Lockers concentra le sue energie sulla R&D. Per i propri prodotti, ma anche per aziende esterne, ad esempio è consulente di Mercedes-Benz, la quale intende utilizzare le tecnologie Penguin Lockers lavora per il controllo mirato della temperatura nei suoi furgoni refrigerati.

 

Per informazioni
Penguin Lockers
T. +39 02 8702 0771
info@penguinlockers.com
www.penguinlockers.com

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su