GDO News
Nessun commento

Bevande bio: +23,4% in un anno. E Alce Nero lancia i mix di ortofrutta

Alce Nero, brand di riferimento nel biologico di oltre 1000 agricoltori impegnati dagli anni ’70, affronta l’estate lanciando sul mercato quattro nuove referenze che arricchiscono la linea del fresco, il comparto sul quale il gruppo sta investendo maggiormente negli ultimi tempi: sono i mix di frutta e verdura. Le referenze, presentate in anteprima a maggio in occasione di CIBUS 2018, ampliano la gamma dedicata da Alce Nero al mondo del fresco. Il lancio di questi prodotti risponde a un trend di consumo improntato ad uno stile di vita sano e ad un’alimentazione biologica. Nel 2017, infatti, il mercato delle bevande biologiche ha raggiunto i 21,6 milioni di euro, pari al 6,0% del totale mercato, registrando una crescita del 23,7% a valore rispetto al 2016 contro una crescita a valore del totale mercato bevande pari al 10,3% (Fonte: Nielsen Market*Track tot. 2017 / Iper + Super ).

Alce Nero propone per questo quattro mix di frutta e verdura, con rispettivi colori e gusti, accomunati dalla presenza di radici come zenzero, ginseng e liquirizia o infusi che caratterizzano il prodotto. I Mix Alce Nero sono biologici e realizzati con frutta e verdura, e come da regolamento del biologico senza aggiunta di antiossidanti, coloranti o aromi. Sono processati con tecnologia HPP, un metodo che utilizza l’alta pressione per ottenere risultati pari alla pastorizzazione senza però ricorrere al calore, che altererebbe le caratteristiche di frutta e verdura.

La gamma include quattro diverse referenze: Mela e Frutti Rossi (mela, lampone, ribes rosso e zenzero); Mela e Mora (mela, mora e ginseng); Uva, Carota e Limone (uva, carota, limone e camomilla); Frutta e Verdura (mela, finocchio, pera, cavolo nero e liquirizia).

I quattro Mix, nel formato da 250 ml, sono pratici e dissetanti; disponibili sul mercato da agosto

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su