GDO News
Nessun commento

Gruppo Selex: Alessandro Revello (Dimar) è il nuovo presidente

Cambio al vertice per Selex. Nei giorni scorsi è avvenuta, in occasione del Consiglio di Amministrazione, la nomina del nuovo presidente del Gruppo Selex che succede a Dario Brendolan, al termine dei due mandati trascorsi. Alessandro Revello, piemontese, seconda generazione della famiglia fondatrice del Gruppo Dimar, sara? alla guida di Selex per il prossimo triennio. Votato all’unanimita?, Revello, classe 1973, e? il piu? giovane Presidente della storia di Selex.

«Un grazie innanzitutto al Presidente Brendolan che ci ha guidati in anni instabili ma di grandi soddisfazioni con maestria» ha esordito il neo Presidente, proseguendo «I risultati raggiunti sono frutto della solidità, della capacità di fare sistema e della profonda conoscenza del territorio in cui operano le singole Imprese, fattori che determineranno il successo del piano di sviluppo approvato nella recente Assemblea dei Soci, che implica un impegno continuo per ampliare l’offerta commerciale e mantenere la qualità che ci riconoscono quotidianamente i clienti». Pochi giorni fa il Gruppo ha infatti confermato investimenti per 330 milioni nel 2018, fra nuove aperture, format e ammodernamenti.

“Le sfide affrontate in questi anni ci hanno consentito di mantenere una posizione di primissimo piano nella distribuzione moderna italiana, continuando a crescere, ma sappiamo che abbiamo di fronte nuovi traguardi» ha dichiarato invece il presidente uscente Dario Brendolan. «Con la consapevolezza di avere fatto le scelte giuste, nella giusta direzione, dobbiamo continuare a migliorarci nel segno dell’innovazione e nel rispetto delle tradizioni».

Dario Brendolan è stato nominato Vice Presidente dall’intero Consiglio insieme a Giovanni Pomarico (Megamark di Trani), gli altri consiglieri sono Salvatore Abate (Roberto Abate di Catania), Marcello Cestaro (Gruppo Unicomm di Vicenza), Gian Giuseppe Murgia (Superemme di Cagliari), Giancarlo Panizza (Gruppo Il Gigante di Milano).

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su