Eurospin rinnova il format

0

Si dice che la prima impressione abbia grande influenza e, alcune ricerche, la legano addirittura alla sopravvivenza e alla prospettiva evolutiva.

Se così è, Eurospin ha allungato il passo garantendo un’evoluzione prosperosa del suo concept già di successo nel riconoscimento e nelle vendite.

Il suo nuovo format ricalca un po’ quello di Lidl, in essere da un paio d’anni, riuscendo però a migliorarlo. Rendendolo ancora più comunicativo, riesce a rassicurare il consumatore sulla qualità e il servizio, rafforzando l’immagine precedente.

La prima cosa che colpisce sono gli spazi, la luminosità e la cartellonistica chiara, semplice e di immediato impatto.

 

L’entrata è più spaziosa, maggiore il numero di casse e tutte con funzione peso integrata. Ricca ma compatta l’area dell’ortofrutta con il confezionato a parete e lo sfuso ad isola centrale. Pane e pasticceria distribuita su mobili self-service eleganti e moderni, buona la scelta di prodotti sia freschi sia congelati, infine il libro con le schede prodotto è semplice da consultare e completo.

Il banco dei latticini-salumi-formaggi si allunga e la nuova esposizione è più luminosa e d’effetto. Unico neo, se vogliamo trovarlo, è il non corrispondere alle nuove tendenze “green” che vogliono anche i banchi dei freschi chiusi a favore del risparmio energetico, anziché aperti.

E’ però probabile che la scelta derivi dalla volontà di incoraggiare vendite tramite l’esclusione di “barriere”.

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 

Diana Scanferla
E' un manager della GDO esperta nei settori Freschi e Surgelati. Nella sua esperienza professionale ha conosciuto sia il mondo dell’Industria dove ha mosso i primi passi che dalla GDO dove ha sempre lavorato. E’ un category manager moderno molto attento alle vendite oltreche agli acquisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui