ISTAT: Il calo esiste, ma per la GDO è contenuto

Le vendite al dettaglio nel mese di luglio sono calate dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 2,6% rispetto al luglio 2008. Lo rende noto l’Istat, aggiungendo che anche per le vendite di prodotti alimentari e non alimentari si è registrato un calo congiunturale dello 0,4%. Il calo su base annua è il maggiore da marzo (-4,5%). Su base tendenziale la flessione per gli alimentari è del 2,1% mentre per i non alimentari è del 2,8 per cento. Nella media degli ultimi tre mesi l’indice del valore totale delle vendite al dettaglio ha segnato una variazione negativa dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti. Nello stesso periodo, sia le vendite di alimentari che quelle di non alimentari hanno registrato una variazione congiunturale trimestrale negativa, rispettivamente dello 0,6% e dello 0,4%. Nei primi 7 mesi dell’anno le vendite sono scese del 2,1% tendenziale (alimentari -1,7%, non alimentari -2,3%). Le vendite nella grande distribuzione su base annua sono calate dello 0,8% mentre nelle imprese operanti su piccole superfici del 3,7%. «Il dato è particolarmente sfavorevole per la piccola distribuzione – sottolineano dall’Istat – ma anche per la grande distribuzione c’è un calo contenuto». Nella grande distribuzione le vendite hanno registrato variazioni negative sia per i prodotti alimentari (-1,2%) sia per i non alimentari (-0,6%); anche nelle imprese operanti su piccole superfici entrambi le componenti sono in calo (-3,6% per gli alimentari e -3,7% per i non alimentari). Nei primi 7 mesi del 2009, le vendite nella grande distribuzione hanno registrato una variazione negativa dello 0,2% e quelle delle imprese operanti su piccole superfici del 3,3%. Nello stesso periodo, le vendite di prodotti alimentari sono diminuite dell’1,7% e quelle di prodotti non alimentari del 2,3%.
A luglio 2009, tutte le tipologie della grande distribuzione hanno segnato variazioni tendenziali negative, con l’eccezione degli esercizi specializzati (+1,9%). Le flessioni più significative hanno riguardato gli ipermercati (-2,1%) e i discount di alimentari (-1,3%). Le vendite hanno registrato flessioni del 4,3% nelle imprese fino a 5 addetti, del 3,1% nelle imprese da 6 a 49 addetti e dello 0,7% nelle imprese con almeno 50 addetti. Tra i non alimentari, a luglio tutti i gruppi di prodotti hanno registrato variazioni tendenziali negative. Le flessioni più grandi riguardano i farmaceutici (-4,4%), calzature, articoli in cuoio e da viaggio (-4%) e cartoleria, libri, giornali e riviste (-3,9%). La riduzione più contenuta é stata registrata dal gruppo foto-ottica e pellicole (-0,5%). Le imprese al dettaglio hanno dichiarato un numero medio di giorni di apertura pari a 27,2 giorni (28,3 giorni la grande distribuzione e 26,5 le imprese operanti su piccole superfici). Rispetto al luglio 2008 si é registrato un aumento di 0,1 giorni per entrambe le tipologie di impresa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!