Il nuovo bosco CLAI a Imola: diventerà un agro-parco didattico a disposizione del territorio

Si estenderà su62mila metri quadrati sui quali sono stati messi a dimora 3.140 piante, alberi e arbusti, l’importante intervento di riforestazione permanente voluto da CLAI a Sasso Morelli, frazione di Imola Un’opera di rimboschimento che assieme a Villa La Babina, centro direzionale della Cooperativa agricolae al suo storico giardino, rappresenterà la porta d’ingresso dell’intero sistema aziendale CLAI Giovanni Bettini, presidente CLAI: “Una nuova tappa del percorso di sostenibilità umana e ambientale che è al centro del nostro modello di sviluppo d’impresa e da cui provengono la qualità e il gusto dei nostri salumi e delle carni. Questo progetto è anche un segno tangibile di restituzione al territorio con cui CLAI ha stretto un rapporto straordinario nel tempo”

Un grande polmone verde che regalerà nuovo ossigeno, benessere e momenti di formazione, sport e cultura all’intero territorio di Imola.

CLAI, realtà agroalimentare di Imola che opera a livello nazionale e internazionale nel comparto salumi e delle carni fresche suine e bovine, ha deciso di dar vita a un importante intervento di riforestazione che si estenderà su 62.000 metri quadrati sopra i quali sono stati messi a dimora 3.140 piante, alberi e arbusti autoctoni ad alto valore ambientale.

Presentato in occasione di “Porte Aperte CLAI, l’evento che il primo weekend di settembre porta a Imola tante iniziative suggestive e dà modo di conoscere da vicino come opera la CLAI, il progetto di rimboschimento permanente sorgerà nella frazione rurale di Sasso Morelli e rappresenterà, insieme con la settecentesca Villa La Babina, centro direzionale della Cooperativa, e al suo storico Parco, la “porta d’ingresso” dell’intero sistema aziendale.

“Una nuova tappa di un percorso di crescita continua e in piena sostenibilità – spiega il Presidente CLAI Giovanni Bettini –. Imola potrà godere di altri 62mila metri quadrati di verde e bellezza. Un numero non casuale: 1962 è infatti l’anno di nascita della nostra Cooperativa.

Questo bosco è un segno tangibile di riconoscenza alla nostra comunità, con cui nel corso del tempo abbiamo stretto un rapporto straordinario e condiviso un grande percorso di sviluppo.

Ormai da tempo CLAI, forte dei valori della cultura e della tradizione contadina, ha posto la sostenibilità, ambientale e umana, al centro del proprio modello di sviluppo d’impresa. Un orientamento che è oggi alla base dell’unicità, qualità e gusto dei nostri prodotti.

L’appartenenza di Villa La Babina al network Grandi Giardini Italiani garantirà un supporto ulteriore che ci permetterà di studiare le forme ideali attraverso le quali proporre visite guidate, passeggiate ecologiche, eventi culturali e sportivi.

La qualità dei nostri prodotti verrà dunque ancor più coniugata alla sostenibilità, in un’esperienza unica di bontà e benessere”.

Un agro-parco didattico aperto a scuole e università

Nel corso del tempo, come sottolineato dal Presidente Bettini, l’obiettivo è dunque trasformare l’intero complesso di Villa La Babina (rappresentato dalla Villa, dal Giardino e dalla campagna circostante che comprende il nuovo Bosco) in un agroparco didattico, con percorsi tematici differenziati per gli studenti; consolidando in questo modo il proficuo rapporto con le scuole e le università, in perfetta continuità con l’impegno che da diverso tempo viene portato avanti e condiviso con i diversi stakeholder.

E proprio a proposito di università, va sottolineato che il progetto di questa nuova infrastruttura verde è stato studiato e realizzato dai tecnici agrari CLAI con la collaborazione scientifica del DISTAL, il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari dell’Università di Bologna.

“Il progetto di riforestazione è frutto della stretta collaborazione tra CLAI, il docente e studenti universitari del corso Progettazione e gestione delle aree verdi, che si tiene a Imola con cadenza annuale – commenta il prof. Alberto Minelli, direttore del DISTAL dell’Università di Bologna –L’intervento di rimboschimento consiste in un tassello di vegetazione verticale studiato per ottemperare ai dettami della riutilizzazione, rinaturalizzazione, sequestro del carbonio, accrescimento della biodiversità, porzione di corridoio ecologico, ecc., insomma ha cercato di riunire, in un complesso che abbia comunque una valenza ornamentale , tutte le funzioni richieste oggi per un corretto e sostenibile  “uso” del pianeta.

In pratica, pur consci di una modifica sostanziale del paesaggio agrario precedente, piatto e impostato su grandi spazi, si è cercato di curare gli inserimenti verticali, la vegetazione arborea ed arbustiva, evitando bruschi conflitti, interagendo anche, ove possibile, con i manufatti industriali della società cooperativa, inserendo specie che possano dare, per quanto possibile, una sorta di garanzia sulla loro efficienza a 360° nei prossimi decenni”.

Per Imola una nuova oasi di biodiversità

In prossimità di Villa La Babina è stata messa a dimora una siepe arbustiva mista con 1.850 piante di Azzeruolo, Ginestra, Frangola, Sommacco, Ligustro e Corniolo, in modo da realizzare un corridoio verde che si colleghi al filare di Farnie secolari, già presenti, e che si immetta poi nell’area obiettivo del progetto di riforestazione.

Il nuovo Bosco sarà invece reso ancora più suggestivo e familiare al tempo stesso grazie alla presenza di specie autoctone come Frassini, Carpini, Aceri e Olmi. A definirne i contorni dei campi saranno invece filari di Farnie e Pioppo nero. In totale gli alberi ad alto fusto messi a dimora sono pari a 1.290.

Grazie dunque alla rinaturalizzazione di ampie superfici a seminativo, alla creazione di aree che connettono corridoi verdi e d’acqua e al ripristino di un laghetto artificiale, con filari e campi riforestati, l’intero paesaggio acquista ora un rinnovato valore.

Un’oasi di biodiversità a elevata qualità per le specie vegetali e animali, che porta con sé significativi effetti ambientali anche in termini di cattura di CO2 e polveri sottili; benefici che ricadranno su tutto il territorio, le persone e i lavoratori.

Biogas, cogenerazione e trigenerazione: l’impegno di CLAI per l’ambiente

Il grande impegno profuso da CLAI in questo percorso di sostenibilità, come anticipato, ha però radici lontane. Sono diversi gli interventi realizzati nel corso degli anni per ridurre al minimo l’impatto ambientale della Cooperativa.

Tra le iniziative di maggior rilievo ci sono senz’altro i due impianti di cogenerazione. Il primo, da biogas, è stato realizzato ormai dieci anni fa e permette di produrre energia elettrica e calore che alimentano i processi produttivi del Salumificio di Sasso Morelli.

Il secondo impianto di cogenerazione a metano da 900 kWe è entrato invece in attività  nel 2021 e contribuisce a rendere più autonomo dal punto di vista energetico e delle necessità legate al riscaldamento lo stabilimento di Faenza. Per farsi un’idea, l’abbattimento di immissione di CO2 nell’atmosfera è di circa 1070 tonnellate all’anno.Il successo di queste scelte ha spinto CLAI a intensificare ulteriormente il suo impegno.

A Imola sta per nascere infatti un impianto di trigenerazione per la produzione di energia elettrica e calore da cui sarà possibile ottenere acqua calda e acqua gelida attraverso un assorbitore. Inoltre, è allo studio un progetto per l’installazione di un impianto che permetterà di ottenere biometano dall’impianto di produzione biogas già esistente.

Il nuovo Bosco diventa dunque un ulteriore tassello che contribuirà a rendere ancora più eterogeneo e prezioso il mosaico di strumenti che CLAI ha deciso di sviluppare per migliorare l’ambiente dove vivono e lavorano ogni giorno decine di migliaia di persone.