mercoledì 24 Luglio 2024

Daniela Creta (Codé Crai Ovest): “Purtroppo, la totalità degli incrementi sarà ribaltata sul consumatore”

Codé Crai Ovest, nata a Torino nel 1915, ha origine dall’unione di 30 commercianti di piccole dimensioni. Ad oggi, il gruppo vanta 330 punti vendita distribuiti tra le regioni Valle D’Aosta, Piemonte, Liguria e Lombardia, come si evince dalla Mappa della GDO, fruibile dagli abbonati Professional e Premium di GDONews.

Daniela Creta è la Buyer Grocery del gruppo torinese ed in merito alla situazione dei rinnovi contrattuali del comparto ha affermato “Al momento, da parte della sede centrale, i contratti sono stati quasi tutti rinnovati. Purtroppo la situazione di tensione dovuta all’inflazione e alla guerra in Ucraina sta facendo sì che la maggior parte dei fornitori, sia nazionali che locali, stiano già presentando secondi e terzi listini”.

A fronte delle continue tensioni sui margini come sta reagendo l’industria? Sta abbassando la scontistica per le promozioni?

“In questo momento, per quanto riguarda il comparto della pasta, la scontistica promozionale non è stata ancora intaccata. Vedremo cosa accadrà nelle prossime settimane”.

Voi invece come vi state muovendo con la pressione promozionale?

“Stiamo cercando di acquistare il più possibile in promozione. Attualmente, dove riusciamo, proviamo a contro cifrare le attività dell’anno scorso ma ovviamente la situazione attuale ci obbliga inevitabilmente a rivedere i prezzi di vendita”.

Da qui ai prossimi mesi quanto peseranno gli incrementi dei fornitori sullo scaffale?

“Purtroppo una struttura come la nostra non può permettersi di assorbire gli aumenti dell’industria. Crai è infatti una realtà cooperativa che lavora unicamente con punti di vendita associati quindi il margine del socio va salvaguardato il più possibile. Dovremo quindi ribaltare, a malincuore, la quasi totalità degli incrementi sul consumatore”.

Infine, per quanto riguarda la vostra azienda, quali sono i formati di vendita che attualmente stanno soffrendo maggiormente i sell-out?

“Lavorando quasi esclusivamente con punti vendita di vicinato, sui nostri scaffali sono presenti solo formati dalla grammatura medio bassa”.

 

 

 

Ultimi Articoli

Unicoop Firenze cede i punti vendita romani a PAC 2000A

0
Unicoop Firenze ha annunciato di aver finalizzato un accordo preliminare per vendere i suoi punti vendita a Roma, operanti sotto il marchio Doc*Roma. La...

iN’s Mercato rafforza la sua presenza in Lombardia e Liguria con...

0
Con l'obiettivo di rafforzare la propria presenza nel nord Italia, iN's Mercato, catena discount con sede a Venezia e operante in 12 regioni con...

Unes avanza nel rebranding: nuove ristrutturazioni a Torino, Treviglio e Gavirate

0
La catena di grande distribuzione Unes continua il suo percorso di rebranding, avviato lo scorso novembre, trasformando tutti i suoi negozi sotto la nuova...

Nova Coop apre ad Ivrea un nuovo superstore

0
Da giovedì 18 luglio, la città di Ivrea, in provincia di Torino, accoglierà l'apertura di un nuovo superstore realizzato da Nova Coop. Situato in...

MD arriva a quota 186 negozi in Lombardia con il nuovo...

0
Il primo punto vendita MD a Lissone ha aperto le sue porte con un simbolico taglio del nastro al femminile, eseguito dalla Store Manager....