Mare Aperto è tra le principali aziende attive sul fronte della sostenibilità nel comparto delle conserve ittiche. Sul finire del 2020, proprio partendo da questo valore alla base delle attività del brand, è iniziato il nuovo posizionamento della marca Mare Aperto. Per l’azienda, infatti, è giunto il momento di comunicare, tramite il programma We Sea, le cinque linee d’azione su cui si snoda un impegno in termini di responsabilità sociale d’impresa, che ha radici profonde, perché le sue basi sono state poste già a partire dai primi anni dalla costituzione della casa madre Jealsa, nel 1958.

 

NEW PACK, CLEAN LABEL

Per comunicare con chiarezza questi temi, Mare Aperto ha realizzato una nuova immagine coordinata, più moderna e distintiva, che ha portato al restyling del packaging e del logo, a cui è stato affiancato il pay-off ‘Buono col mare’.
Il nuovo pack non solo è del tutto riciclabile, ma anche certificato Fsc per la parte dei cluster in cartoncino, quindi proveniente da foreste gestite responsabilmente. L’azienda ha optato anche per un’etichetta pulita, per cui sono riportate in modo semplice e trasparente tutte le informazioni riguardanti la materia prima (per esempio area e il metodo di pesca) e addirittura la lista degli ingredienti diventa il nome del prodotto sul fronte.

Il tratto distintivo della lattina Mare Aperto, ovvero l’apertura facilitata tramite pellicola di alluminio, resta un punto di forza su tutta la gamma, per ridurre lo sforzo richiesto e quindi anche il rischio di tagli accidentali, rendendo così il prodotto particolarmente adatto ad anziani e bambini.

Tutta la gamma di prodotti Mare Aperto è certificata Friend of the Sea e, recentemente, è stata ampliata con due referenze che invece sono una certificata MSC, in acqua minerale naturale e l’altra con tonno pescato a canna in copertura con olio extra vergine di oliva biologico.

 

MENO OLIO, MENO SALE

Mare Aperto continua il suo percorso di innovazione per produrre referenze salutari e che combattono gli sprechi. Tra queste c’è la linea Pronto da Gustare, con la quale viene proposta la stessa quantità di tonno di una lattina da 80g, ma con una dose inferiore di olio di copertura. Questo dettaglio rende il prodotto più compatto e pratico, perché riduce il rischio di sporcarsi aprendo la lattina e, inoltre, disincentiva la pratica di sgocciolarlo, evitando l’inutile dispersione di olio nelle tubature del lavandino. La linea è disponibile anche nella confezione da tre lattine da 60g e nella conveniente scorta da 12 lattine.

L’ultima novità di Mare Aperto è il Basso in Sale, in cluster da 3 x 65g: un prodotto ideale per chi desidera portare in tavola benessere e gusto allo stesso tempo, grazie al 75% di sale in meno rispetto a 100 g (peso netto e sgocciolato) di tonno in olio di oliva Mare Aperto 80 g classico. Con questa nuova referenza, Mare Aperto Foods – società genovese che fa capo al Gruppo Jealsa – risponde alle esigenze del consumatore, sempre più attento ad inserire nella propria dieta quotidiana prodotti leggeri, che favoriscano un’alimentazione corretta.

La maggior parte delle persone, in particolare, consuma in media circa il doppio del livello massimo di assunzione di sale raccomandato (5 g), tanto che gli stati membri dell’OMS hanno stabilito come obiettivo la riduzione dell’assunzione di sale da parte della popolazione mondiale del 30% entro il 2025.*
La scelta di Mare Aperto non è stata casuale e deriva anche dall’ascolto di pareri scientifici, come quello di Martina Donegani, Biologa nutrizionista, web contributor e consulente alimentare che ha affermato: “Il tonno in scatola è un alimento molto versatile in cucina e vanta un profilo nutritivo di tutto rispetto: le sue carni sono ricche di proteine pregiate, che contengono tutti quegli aminoacidi essenziali necessari all’organismo per crescere e ricambiare i tessuti. È buono anche il suo contenuto di sali minerali, soprattutto di ferro e di fosforo.” commenta la Dott.ssa Martina Donegani, Biologa nutrizionista, web contributor e consulente alimentare.

Basso in Sale è realizzato con tonno appartenente a specie non sovrasfruttate, pescato con metodi sostenibili e certificato Friend of the Sea (FOS), che garantisce l’origine sostenibile dei prodotti ittici. Al tonno viene aggiunto olio extravergine biologico, in linea con i principi dell’azienda in termini di sostenibilità e impegno reale verso l’ambiente.

“A differenza di quello che spesso si crede, le carni del tonno in scatola sono estremamente magre.  Per questo è preferibile consumare tonno conservato in olio extravergine d’oliva, meglio ancora se biologico come in questo caso: il suo utilizzo, infatti, comporta l’aumento di lipidi di ottima qualità, che forniscono una quota importante di sostanze antiossidanti, come i tocoferoli e i polifenoli. Anche il basso contenuto di sale è un plus fondamentale: optare per il tonno in scatola con un quantitativo di sale ridotto è un’opzione da privilegiare. Ridurre l’apporto di sale, infatti, è particolarmente importante perché l’eccesso di sodio favorisce l’ipertensione, causa primaria di infarto e ictus, oltre che di malattie cronico-degenerative, quali i tumori dello stomaco, osteoporosi e malattie renali” – conclude la dott.ssa Donegani.

 

*Fonte: Piano d’Azione globale 2013-2020 dell’Oms per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili (“Global action plan for the prevention and control of NCDs 2013-2020”).

 

CONTATTI

Sito internet: www.mareaperto.it
Mail: info@mareapertofoods.it
Numero di telefono: 01084091