Al workshop ha partecipato anche Simone Cicognola, direttore commerciale dei supermercati della capitale “Doc Roma”, l’insegna di Unicoop Firenze che opera nel mercato di Roma.  In apertura Cicognola ha sottolineato che l’insegna “Doc” è stata voluta per scelta strategica, nata nel 2010 e con una fortissima vocazione verso la prossimità, la quale nei quartieri romani si esprime con traffico e rotazioni differenti rispetto a qualsiasi altra città.

I punti di vendita hanno metrature medie attorno ai 600 – 800 mq e si caratterizzano per la forte vocazione verso l’offerta dei freschissimi, dei prodotti del territorio e, nei prodotti industriali (grocery), con una politica simile a quella adottata da Unicoop Firenze: ovvero attraverso la centralità della completa e forte marca coop e con l’utilizzo delle grandi marche nel completamento assortimentale, in ampiezza e profondità.

Cicognola nel suo intervento ha sottolineato la necessità della convenienza, non intesa come approfondimento della pressione promozionale, ma piuttosto come un’esigenza di linearità della proposta, che si deve tradurre in fedeltà, intesa però dell’insegna verso il consumatore e non il contrario.

“Stiamo facendo delle riflessioni che la pandemia ha semplicemente accelerato; troppo spesso si usa la pressione promozionale, unica leva capace di generare volumi ad assortimenti ridondanti, che in tal modo si giustificano. Sarà la strada giusta? Noi pensiamo di no” Cicognola prosegue il ragionamento spiegando che è arrivato il momento di cambiare e ripensare all’offerta nel suo complesso. Le politiche promozionali devono trovare un rinnovato significato, non possono avere come obiettivo solo quello di alimentare vendite per incentivare i sell out. Il Direttore Commerciale di Doc Roma, nel suo intervento molto seguito durante il workshop, ha quindi invitato industria e retail a concentrarsi maggiormente nel trovare un nuovo equilibrio tra offerta ed esigenze del consumatore.

Il moderatore, il direttore di GDONews Andrea Meneghini, ha domandato, in conseguenza delle affermazioni di Cicognola, qual è il ruolo che assume, in tale contesto, la MDD nelle diverse categorie industriali e quale ruolo deve avere?

Simone Cicognola ha, quindi, spiegato che il mercato è in evoluzione, “Oggi i discount hanno compiuto una importante evoluzione, in essi il consumatore trova accoglienza e qualità, noi dobbiamo quindi ripensare all’offerta.” Ed ha infine domandato a se stesso ed alla platea: Cos’è oggi innovazione?

Cicognola ha quindi concluso il suo ragionamento e spiegando che è difficile scoprire nuovi bisogni nei consumatori, oggi si attribuisce il concetto di innovazione alle evoluzioni di marketing e meno alla sostanza dei valori intrinseci. Quindi il marketing significa dare valore aggiunto? Cicognola pensa che oggi il consumatore è troppo evoluto e sottopone tutto a critica e valutazione, e che quindi non si possono affrontare nuovi problemi che vecchie soluzioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui