GDO News
Nessun commento

GDO anno 2018: male i Bilanci sino a Maggio ma benino gli andamenti. Cronaca di uno stress generalizzato e linearità di mercato

L’andamento del mese di Maggio 2018 analizzato per area geografica Nielsen nel Largo Consumo si può definire positivo ma, nonostante ciò, l’anno intero, dal suo inizio, non è ancora da considerare tale.

Fonte: Top4Top Nielsen Maggio

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

Nel mercato Retail, sul versante delle catene GDO, anzi, aleggia un generalizzato pessimismo e, capita da più parti di venire (noi di GDONews) simpaticamente ed affettuosamente considerati ottimisti nelle valutazioni che diamo nei nostri report.

In generale non ci sentiamo di dire che nella nostra redazione l’ottimismo sia decretato nel giudizio che diamo all’anno in corso, però è certamente vero che siamo meno pessimisti delle dichiarazioni che quotidianamente ci rendono gli operatori del mercato quando ci rapportiamo con loro.

Vediamo di spiegare i perché nelle prossime righe.

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

Nel 2017, a questo punto dell’anno, chi trainava il mercato erano le aree 3 e 4. Si guardi la tabella 1: viene raffigurato l’andamento del corrispondente mese di maggio dello scorso anno dove, si notino le linee blu, in generale il mese di maggio era in stato di contrazione. E’ vero, e lo abbiamo visto negli articoli di qualche settimana fa, che la Pasqua era andata meglio, ma come vedremo anche nel 2018 non è andata molto male.

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

Il vero handicap che il 2018 sta soffrendo deriva dal mese di Gennaio. Si guardino le tabella 2 e 3: la Pasqua (somma dei mesi marzo ed aprile esattamente come lo scorso anno ma a mesi invertit) giova al 2017 ma la vera differenza si vede nel mese di Gennaio: il 2017 ha visto un principio di anno su valori decisamente alti nelle aree 3 e 4, ma soprattutto l’area 1 era in positivo.

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

E la stessa Area 1 aveva superato la Pasqua davvero brillantemente, rispetto a quest’anno dove è caduta in crisi profonda. Lo scorsa anno, nella sua prima parte, era andata piuttosto male l’area 2, che poi ha iniziato a crescere da settembre 2017 sino ad oggi. E’ una questione di cicli. Un periodo ci sentiremmo di catalogarlo come negativo nel momento in cui i valori non si discostano dallo 0/1 e quando, di tanto in tanto, qualche valore sprofonda verso il -5, ovvero il trend che abbiamo visto e raccontato nei lunghi anni 2012-2015 dove tante aziende sono rimaste sul campo. Ma quest’anno non si può definire di sofferenza: se si legge con attenzione la tabella 3 si può vedere che il mese di Gennaio ha visto cadere tutti con valori importanti sotto lo zero, la Pasqua è terminata in leggero positivo (non fu così lo scorso anno dove il valore positivo somma dei due mesi è stato deciso) mentre nel resto dell’anno abbiamo visto valori positivi. Il mese di Maggio, salvo l’area 1, è molto positivo, forse troppo, ed è probabile che Giugno (il mercato ovviamente ci ha già confermato questa sensazione) sarà molto duro.

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

Si guardi l’esercizio che vi proponiamo: supponiamo che l’anno inizi a Dicembre e non a Gennaio, e sviluppiamo questa ipotesi sia per lo scorso anno che per quello in corso (tabelle 5 e 6).

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Dati dell'autore:
Ha scritto 539 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su