Roberto Abate (patron omonimo gruppo) ha presentato un suo libro autobiografico

0

“Vi ringrazio, tutti, per questa serata indimenticabile”. Con queste parole il commendator Roberto Abate, patriarca dell’omonima famiglia di imprenditori della Gdo in Sicilia, ha chiuso qualche giorno fa a Etnapolis la presentazione della sua autobiografia “Questa, la mia vita” (Abramo editore, 120 pagine). Un libro, come ha sottolineato Abate – intervistato da Nino Graziano Luca sul palco davanti a migliaia di invitati e autorità -, scritto con finalità benefiche e non certo per autocelebrarsi ma con un occhio ai giovani scoraggiati dalla crisi economica. Oggi il gruppo Abate, formato da dodici società di capitali, è proprietario e gestisce, in diverse province della Sicilia una catena di settanta punti di vendita – nelle diverse tipologie di ipermercati, cash and carry, supermercati e hard discount – con un organico complessivo di 1300 dipendenti, compresi quelli del consorzio Etnapolis. E’ stato l’attore Pippo Pattavina a leggere, sul palco, alcuni brani del volume. “Un libro – ha detto – che tutti i giovani dovrebbero leggere, perché insegna a vivere”. Poi, attorno al Commendatore si sono stretti la moglie Nuccia, i figli Salvatore, Marcello e Laura. A loro – e al resto della famiglia: genero, nuore, nipoti – Roberto Abate, commosso, ha dedicato il suo libro. Dalla serata è emerso poi il rapporto strettissimo del Commendatore con dipendenti e collaboratori, che l’hanno definito “Un uomo del futuro, un visionario”. “Amo tutti coloro i quali amano il proprio lavoro” ha sostenuto Abate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui